Monthly Archives: marzo 2017

Lo chiamavano Jeeg Robot: il cinema italiano che rinasce

La trama: Enzo Ceccotti non è nessuno, vive a Tor Bella Monaca e sbarca il lunario con piccoli furti sperando di non essere preso. Un giorno, proprio mentre scappa dalla polizia, si tuffa nel Tevere per nascondersi e cade per errore in un barile di materiale radioattivo. Ne uscirà completamente ricoperto di non si sa cosa, barcollante e mezzo morto. In compenso il giorno dopo però si risveglia dotato di forza e resistenza sovraumane. Mentre Enzo scopre cosa gli è successo e cerca di usare i poteri per fare soldi, a Roma c’è una vera lotta per il comando, alcuni clan provenienti da fuori stanno terrorizzando la città con attentati bombaroli e un piccolo pesce intenzionato a farsi strada minaccia la vicina di casa di Enzo, figlia di un suo amico morto da poco. La ragazza ora si è aggrappata a lui ed è così fissata con la serie animata Jeeg Robot da pensare che esista davvero. Tutto sta per esplodere, tutti hanno bisogno di un eroe.

Film coraggioso, fuori dal comune, sorprendente. Considerato da molti addetti ai lavori, a mio avviso giustamente, il film italiano dell’anno 2016.  Un supereroe “umano”, un ottimo Claudio Santamaria, uno che odia ” ‘a ggente”, che cerca di sfruttare i suoi superpoteri in modo “non convenzionale” ma che si prende anche cura della vicina di casa, la bravissima Ilenia Pastorelli .  E poi c’è lui, “lo zingaro”, un memorabile Luca Marinelli, il Joker della borgata romana, un’interpretazione sopra le righe.

Insomma, il cinema italiano sta tornando… adesso anche noi abbiamo il nostro supereroe.

La NTJO e Greta Panettieri all’Auditorium di Roma: recensione concerto e intervista a Mario Corvini

di Annamaria De Crescenzo

Un viaggio nella musica e nelle emozioni del repertorio jazzistico americano e brasiliano dei grandi compositori e voci indimenticabili di tali generi musicali”.

Questo in sintesi il tema del concerto tenutosi il 22 marzo all’Auditorium di Roma della New Talents Jazz Orchestra con un’ospite speciale Greta Panettieri, secondo appuntamento della  Rassegna “Incontri in jazz”, cinque appuntamenti con la musica di altissimo livello che si terrà all’Auditorium dal 1 marzo al 28 maggio e che vedrà avvicendarsi su tale palco grandissimi nomi come Roberto Gatto, Claudio Corvini, Enrico Pieranunzi e giovani solisti italiani con un omaggio a Miles Davis e a Massimo Urbani. Continua a leggere

Ritratto di dama – Giorgia Penzo

Parigi, notte di San Lorenzo. Seduta su una panchina di fronte alla cattedrale di Notre Dame, una misteriosa ragazza ha tutta l’aria di aspettare qualcuno. Uno studente di storia dell’arte – Guillaume – la nota da lontano, apparentemente per caso. Appena incrocia il suo sguardo ha un sussulto: è identica alla famosa Belle Ferronnière ritratta da Leonardo da Vinci, quadro a cui è molto legato.  Sono estranei eppure non si comportano come tali. La complicità che li coglie sin dal primo istante li sconvolge, come se avessero vissuto mille vite insieme da qualche parte nel tempo ma nessuno dei due ne conservasse la memoria. Comincia così – quasi per gioco – la loro passeggiata attraverso la Ville Lumiere, mentre le stelle cadenti rigano il cielo. Dal cimitero di Père-Lachaise fino al cortile del Louvre – passando per gli Champs Elysées, dai giardini delle Tuileries e da un bistrot dove tutto pare essersi fermato alla Belle Époque – i due discutono di ciò di cui è fatta la vita: libri, fato, desideri, morte. Ma soprattutto d’amore. Quello di cui la ragazza non parla è il segreto che custodisce da sempre, in bilico tra il reale e l’impossibile. Chi è lei veramente? Troverà il coraggio di aprire il suo cuore a Guillaume e sfidare il destino? L’alba incombe, la scelta è vicina. Poi niente sarà più come prima.

Continua a leggere

News: in diretta i premi del David di Donatello 2017

61esima edizione dei David di Donatello, lo storico premio dell’Accademia del Cinema Italiano. Ecco i premi:

Migliore Attore Protagonista a Stefano Accorsi per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Produttore ad Attilio De Razza e Pierpaolo Verga per ‘Indivisibili’

Migliore Documentario a ‘Crazy For Football‘ di Volfango De Biasi

Migliore Cortometraggio ad ‘A Casa Mia‘ di Mario Piredda

Migliore Regista a Paolo Virzì per ‘La Pazza Gioia’

Migliore Autore Della Fotografia a Michele D’Attanasio per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Regista Esordiente a Marco Danieli per ‘LaRagazza Del Mondo’

Migliore Canzone Originale ad ‘Abbi Pietà Di Noi’, musica e testi di Enzo Avitabile per ‘Indivisibili’

Migliori Effetti Digitali ad Artea Film & Rain Rebel Alliance International Network per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Montatore a Gianni Vezzosi per ‘Veloce Come Il Vento’

Miglior Scenografo a Tonino Zera per ‘La Pazza Gioia’

Miglior Film dell’Unione Europea a ‘Io Daniel Blake‘ di Ken Loach

Miglior Film Straniero ad ‘Animali Notturni‘ di Tom Ford

Migliore Musicista a Enzo Avitabile per ‘Indivisibili’

Migliore Suono ad Angelo Bonanni, Diego De Santis, Mirko Perri e Michele Mazzucco per ‘Veloce Come Il Vento’

Premio David Giovani al film ‘In Guerra Per Amore‘ di Pierfrancesco Diliberto

Migliore Acconciatore a Daniela Tartari per ‘La Pazza Gioia’

Migliore Truccatore a Luca Mazzoccoli per ‘Veloce Come Il Vento’

Migliore Costumista a Massimo Cantini Parrini per ‘Indivisibili’

Migliore Sceneggiatura Adattata a Gianfranco Cabiddu, Ugo Chiti e Salvatore De Mola per ‘La Stoffa Dei Sogni’

Migliore Sceneggiatura Originale a Nicola Guaglianone, Barbara Petronio ed Edoardo De Angelis per ‘Indivisibili’

Miglior Attirce Non Protagonista a Antonia Truppo per ‘Indivisibili’

Miglior Attore Non Protagonista a Valerio Mastandrea per la sua interpretazione nel film ‘Fiore’

Maurizio De Giovanni: la vita quotidiana dei Bastardi di Pizzofalcone /recensione

di Donatella Troisi

In questo libro De Giovanni, per la prima volta,  lascia parlare i personaggi del noto commissariato che ci portano all’interno di se stessi e ci regalano un meraviglioso viaggio nelle emozioni.

Lojacono è uno duro, duro e puro, che va per la sua strada a testa alta anche quando un pentimento, non di certo suo, gli toglie radici sentimenti e affetti. Ma lui non si pente no, fare il poliziotto era il suo sogno, fare la cosa giusta la sua vocazione e quindi non tutto è perduto per  lui, che si sente solo ma che in fondo sa che in compagnia della sua integrità può ripartire per ritrovare se stesso proprio al commissariato di Pizzofalcone.

Pisanelli ci racconta di un amore che rimane intatto anche quando l’oggetto di quello smisurato sentimento non è più in vita ma il suo ricordo lo mantiene in vita. Leggendo la sue parole quasi si sente in sottofondo la musica di Cajckovskij, e si intravede il volto sofferente di questo uomo che parla alla sua donna sempre presente nel suo cuore, nelle sue abitudini, e alla quale racconta la sua determinazione a portare a termine il suo compito. Continua a leggere

Insieme per ASITOI: 11 aprile concerto del Yamanaka Electric Femal Trio al Conservatorio Cimarosa di Avellino

Questa città ha bisogno di rinascere, e quindi che questo concerto sia l’inizio di una nuova agorà per Avellino”.

Con queste parole il Presidente del Conservatorio Cimarosa Luca Cipriano ha salutato il pubblico che è intervenuto alla conferenza stampa organizzata per l’evento, fortemente voluto dall’Associazione ISenzatempo e organizzato insieme allo stesso Conservatorio in favore di ASITOI Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta, che si occupa dal 1984 di fornire sostegno agli ammalati ed alle famiglie e si batte per lo sviluppo della terapia genica e sul supporto psicologico.

L’11 Marzo il Conservatorio Cimarosa ospiterà un importantissimo concerto del Yamanaka Electric Femal Trio in esclusiva per la Campania, in tour in Italia (Perugia, Fano, Lecce Roma Milano ) e all’estero (tre date all’esclusivo jazz club di Londra Ronnie Scott, poi Boston, New York, Philadelphia, Washington, Saint Louis). La formazione è guidata dalla strepitosa pianista giapponese Chihiro Yamanaka,stella della Blue Note Records al piano e al Fender Rhodes, ed è completata da un’eccezionale ritmica femminile: Inga Eichler, al basso elettrico e al contrabbasso, e Karen Teperberg alla batteria. Continua a leggere

Fabio Giachino: esce il nuovo album italo-danese “North Clouds”

ll 3 aprile esce l’album “North Clouds” del pluripremiato pianista Fabio Giachino, giunto al suo quinto disco da leader.
Registrato lo scorso settembre a Copenaghen e preannunciato con un video online http://bit.ly/NorthClouds_Trailer, il nuovo lavoro è prodotto dall’etichetta romana Tosky Records in collaborazione con Blue Art Management e il sostegno del Consorzio Piemonte Jazz. Considerato uno dei migliori talenti della scena jazz nazionale, e premiato anche a livello internazionale sia come solista che alla guida del suo Fabio Giachino Trio, per “North Clouds” Fabio Giachino si presenta con un nuovo trio, danese, completato dal contrabbassista Matthias Flemming Petri e dal batterista Espen Laub Von Lillienskjold. Presenti come special guest due tra i musicisti più affermati in Danimarca: il bandoneonista Paolo Russo – italiano ma residente da oltre vent’anni a Copenaghen – e il sassofonista Benjamin Koppel.

Continua a leggere

Stefano Di Battista & Dea Trio per Napoli Jazz Winter 2017: perfetto connubio tra jazz e amicizia

Venerdì 24 marzo un altro appuntamento con il jazz di grandissimo livello nella splendida Chiesa di San Giovanni Maggiore Pignatelli con i DEA Trio guest star Stefano Di Battista, per l’edizione di Napoli Jazz Winter 2017 organizzata da Napoli Jazz Club e diretta da Michele Solipano

I Dea Trio, da molti definiti il più longevo dei gruppi jazz visto che suonano insieme da più di 15 anni, mettono insieme approcci stilistici e interpretativi tra loro molto diversi dei tre musicisti che lo compongono ma allo stesso modo perfettamente amalgamati e talmente affiatati da raggiungere un perfetto interplay che lo rendono un trio perfetto per stile e perfetta esecuzione dei brani.

Continua a leggere

Mario Nappi Trio & Emilia Zamuner in “Tradition” per il Pignatelli in Jazz

Domenica 26 marzo il concerto conclusivo del “Pignatelli in jazz” con il Mario Nappi Trio, formato da Mario Nappi al piano, Corrado Cirillo al contrabbasso, Luca Mignano alla batteria ed Emilia Zamuner alla voce.

Come annunciato dalla stessa Zamuner, il progetto presentato si chiama “Tradition” in quanto unisce sia brani della tradizione jazzistica che quella della nostra tradizione e di quella del mondo musicale brasiliano.

Mario Nappi è straordinario nel suo stile melodioso e dolce, oltre che bravissimo leader del suo trio composto da altri due validissimi musicisti come Corrado Cirillo che sembra fondersi con il suo contrabbasso riuscendo ad eseguire brani anche molto impegnativi con un livello qualitativo indiscutibile, e Luca Mignano perfetto nel lato della ritmica del trio.

Continua a leggere

In esclusiva sul canale YouTube di iCompany “50 ANNI SENZA LUIGI TENCO”

In esclusiva sul canale YouTube di iCompany

“50 ANNI SENZA LUIGI TENCO”
Versione integrale

http://bit.ly/50annisenzaLuigiTenco

Continua a leggere

« Vecchi articoli