Tag Archives: Napoli

Recensione: Grande successo per il San Gennaro Day!

Di Manuela Ragucci
Foto di : Eugenio Blasio

Grande successo per il San Gennaro Day che, sfidando pioggia e Covid, ha premiato le eccellenze in nome del santo Patrono!

Nonostante il Covid e l’allerta meteo con annessa bufera che si è abbattuta su Napoli nel pomeriggio, il Premio San Gennaro Day non si è fermato: “E’ stato come se il Santo patrono avesse fatto un grande piccolo miracolo per la Kermesse a lui dedicata” – afferma con gioia Gianni Simioli, direttore artistico ed ideatore della Kermesse. Un’edizione sicuramente più intima, ma come sempre festosa e ricca di emozioni. Gianni Simioli, perfetto padrone di casa, ha messo insieme un cast originale e come sempre variegato, premiando uomini e donne con il prestigioso riconoscimento che viene assegnato ogni anno alle personalità del mondo dello spettacolo, dell’editoria, delle istituzioni che si sono distinte nei loro settori.

Quest’anno la manifestazione ha trovato casa nell’accogliente location del Teatro Politeama, dove si sono rispettate tutte le normative anti- Covid previste dalla legge. L’organizzazione della Jesce Sole, capitanata da Fiorita Nardi, impeccabile come sempre, in poche ore è riuscita nonostante tutti gli imprevisti del caso ad offrire per l’ottavo anno consecutivo uno spettacolo a cui i partenopei sono sempre più affezionati. Ad aprire la serata la voce del grande Marcello Colasurdo che ha regalato una tammorriata anti pandemia per poi esibirsi anche dopo con “Vesuvio”.  Il ciclone Marisa Laurito ha coinvolto la platea con “Dove sta Zazà”, regalando al pubblico un monologo tratto dalla commedia di Eduardo “Non ti pago” diventando spot per il teatro partenopeo in particolare per il teatro di Forcella, il Trianon, di cui cura la direzione artistica. Standing ovation per il Professore Paolo Ascierto che ha raccomandato ancora una volta alla prudenza per il difficile momento che stiamo vivendo, raccontando poi del docufilm “1+1=3” che lo vede protagonista nel periodo della pandemia.

Continua a leggere

Recensione: On Dance Final Show con Roberto Bolle all’Arena Flegrea di Napoli

di Francesca Petrillo

Domenica 19 maggio alle ore 21.30 si è conclusa la festa della danza con il Final Show presso l’Arena flegrea con il talentuoso Roberto Bolle e altri artisti strepitosi. L’intero ricavato della serata andrà all’associazione Annalisa Durante.

“Quando si è abituati al bello dopo lo si cerca un po’ ovunque”, così esordisce la conduttrice napoletana, nonché grande attrice, Luisa Ranieri.

Per la prima volta in esclusiva sul palco un trio strepitoso, composto da Stefano BollaniAndrea Bocelli Roberto Bolle, i quali si sono esibiti insieme a Nicoletta Manni (prima ballerina della Scala di Milano) sulle note di “Con te partirò”).

Intervistato da Luisa Ranieri,  Bocelli ha dichiarato:“Non è importante ciò che si fa, ma come si fa”. Mentre Bollani chiarisce la sua posizione circa il suo rapporto personale con la musica (“Ho suonato in una favela di Rio de Janeiro proprio perché sono fermamente convinto che la musica può mettere d’accordo tutti, nel bene e nel male, e pertanto crea aggregazione”).

Spettacolo ricco di ospiti internazionali e grandi artisti, da Bocelli ad Alessandro Quarta, da Melissa Hamilton(prima solista del Royal ballet) a Serena Rossi

Ma On dance non vuole accendere  solo un faro sulla danza in generale, dimostrando che essa non è elitaria come tutti pensano, bensì indurre a guardare alla danza come mezzo per comunicare le emozioni e trasmetterle agli altri.

Uno spettacolo che rompe gli schemi, portando sul palco anche l’arte con 2 esibizioni magnifiche: la prima si ispira al “Ritratto di Dorian Gray”, dove Bolle si esibisce da solista, accompagnato da una star internazionale, voluta fortemente dall’étoile, Alessandro Quarta(“La danza è bellezza, tuttavia può trasformarsi in ossessione e nasce così un alter ego di noi stessi”). La seconda si rifà ad un quadro di Caravaggio con i suoi chiaroscuri e giochi di luce, in cui Bolle è accompagnato da Hamilton.

Un’altra forma d’arte che ha fatto  da protagonista della serata e’ stata  la  musica. Non a caso Serena Rossi ha  omaggiato  2 artisti fondamentali che sono Mia Martini, molto legata a Napoli e Pino Daniele, icona partenopea per eccellenza(“Pino è ancora vivo in tutti noi, così come Mia, proprio per la sua speranza che le cose possano cambiare”).

Roberto Bolle è ormai divenuto un punto di riferimento per molti ragazzi, questo risulta evidente dalla grande adesione avuta in questi giorni dedicati alla danza, alle varie open class di danza classica, moderna, contemporanea e di tango aperte a tutte le eta’ ed a tutti i livelli, dalla danza dei piu’ piccoli (4-5 anni) ai studenti delle varie scuole  e licei di danza di Napoli.

Egli stesso ha raccontato  dell’incontro che ha rivoluzionato completamente la sua vita, non solo professionale, ma anche personale, cioè quello con Rudolf Nureyev (“Egli ha rivalutato completamente il ruolo del ballerino nel balletto classico”).

“Chi non conoscerà mai il piacere di entrare in una sala con delle sbarre di legno e degli specchi, chi smette perché non ottiene risultati, chi ha sempre bisogno di stimoli per amare o vivere, non è entrato nella profondità della vita, ed abbandonerà ogni qualvolta la vita non gli regalerà ciò che lui desidera. È la legge dell’amore: si ama perché si sente il bisogno di farlo, non per ottenere qualcosa od essere ricambiati, altrimenti si è destinati all’ infelicità. Io sto morendo, e ringrazio Dio per avermi dato un corpo per danzare cosicché io non sprecassi neanche un attimo del meraviglioso dono della vita… “(lettera alla danza-R.Nureyev)

Prossimo appuntamento il 26 maggio a Milano, dove continuerà la festa della danza per un’intera settimana con lo scopo di “Portare la danza a tutti”.

 

Recensione/ Comicon a Napoli: i colori e le emozioni della giornata inaugurale alla Mostra d’Oltremare di Napoli

Di Annamaria De Crescenzo
Foto SpectraFoto

 

Inaugurata la prima giornata del Comicon, Salone Internazionale del Fumetto XXI Edizione, che avrà luogo da oggi, giovedì 25 aprile al 28 aprile, nello spazio della Mostra d’Oltremare di Napoli

Sin dalle prime ore del mattino, tantissimi giovani e giovanissimi, moltissimi nei panni dei loro idoli  Cosplay e del mondo del fumetto, e delle serie TV che adorano, si sono riversati ai cancelli della Mostra per poter vivere intensamente tutto il ricchissimo programma che da oggi a domenica è stato organizzato per loro.

Tantissime le iniziative e gli appuntamenti importantissimi della giornata: un ricco programma di attività culturali con protagonista Gipi, autore di riferimento per il fumetto italiano nel mondo, l’area videogioco, e lo spazio dedicato ai laboratori creativi per i bambini, un Cosplay Challenge Kids che ha aperto la prima delle 4 gare dei contest dedicati al mondo cosplay,il film Pet Sematary, il primo dei tanti movie in programma che saranno proiettati all’interno del programma del Comicon, tanti incontri nella Sala Andrea Pazienza e Sala Dino De Matteo con i protagonisti del mondo del Fumetto, le novità editoriali, gli autori, le case editrici che li producono, tanti angoli per i vari firmacopie con i protagonisti diretti di tale mondo, e tante simpatiche iniziative come il “Ring” una vera e propria “sfida” a colpi di matite.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Continua a leggere

Premio San Gennaro Day 2017 : il riconoscimento dei veri Talenti di Napoli

San Gennaro Day_Napoli_AroundEventi_25-9-2017_03

I Bottari di Macerata Campania_San Gennaro Day 2017

Giunta alla quinta edizione, il Premio San Gennaro Day quest’anno si è svolto, con il palco allestito sul sagrato del Duomo di Napoli, lunedì 25 settembre tra un vero e proprio tripudio di folla e di consensi da parte della critica e della stampa che conta qui a Napoli. Organizzato da Jesce Sole e lo stesso Gianni Simioli che ne cura anche la Direzione Artistica, in collaborazione con Gabbianella Eventi Club, Comune di Napoli e Regione Campania, e numerosi sponsor che sono stati citati diverse volte nel corso della serata stessa scelti tra i più importanti imprenditori napoletani e campani, è stato ancora una volta un grandissimo successo, come nelle precedenti edizioni, seguito in piazza da un numerosissimo pubblico e in diretta sui più importanti canali Social e diverse troupe televisive. Dietro le quinte i numerosi ospiti dell’evento, tutti uniti in un’atmosfera di amicizia e di desiderio di stare insieme che fa di questi grandi Artisti un gruppo affiatato ed entusiasta sia della serata che degli obiettivi del Premio stesso, come più volte affermato dallo stesso Simioli che ha fortemente voluto questo Premio come giusto riconoscimento del talento, grinta e determinazione degli Artisti (musicisti,cantanti, imprenditori, attrici) che dimostrano di essere legati alla propria città e fanno di tutto per poterla non solo renderla migliore ma anche essere ai vertici del proprio ambito professionale. Per tale motivo, ad ogni Premio consegnato sul palco è stata letta la “motivazione” per l’assegnazione del premio stesso, sull’applauso del pubblico che evidentemente ne condivideva ed apprezzava pienamente le scelte degli organizzatori.

Continua a leggere

Naples ’44: per non dimenticare

naples-44Tutto è nato dal racconto di mio padre che un giorno mi parlò di come fosse sopravvissuto a un bombardamento solo perché si trovava sul lato giusto della strada. Mi disse che per capire come abbia vissuto la città in quel periodo dovevo assolutamente leggere Naples ’44 di Norman Lewis. Cosa che ho fatto adorandolo”.

Così ha esordito Francesco Patierno, nonché regista di “Naples ‘44”, un docufilm semplicemente eccezionale, ad un dibattito avvenuto recentemente nelle sale del cinema Modernissimo di Napoli, a cui alcuni di noi studenti abbiamo avuto la possibilità di partecipare grazie ad un progetto scolastico. Continua a leggere