Monthly Archives: novembre 2017

Intervista ai Camera Soul: il nuovo fenomeno jazz italiano

camera soul

Una bellissima chiacchierata con Maria Enrica Lotesoriere, voce e autrice testi dei Camera Soul, sugli inizi del gruppo, i suoi successi internazionali, e i nuovi progetti che a breve partiranno per questo gruppo di soul funky importantissimo in tutto il mondo.

Partiamo dagli inizi di Camera Soul. È il 2011 quando i due fratelli Lombardo decidono di cimentarsi in uno dei generi da loro amati e cioè il soul funky, i Camera Soul appunto. Ci parli di questo progetto che in sei anni ha scalato le vette delle classifiche di tutto il mondo?

Il progetto è stata un po’ una scommessa di Pippo e Piero Lombardo che hanno scelto di mettere su un gruppo con la musica che loro amano come Al jarreau o gli Incognito, che però raccogliesse al suo interno la musica bossanova, jazz, soul, e hanno pensato prima di tutto alle persone che volevano coinvolgere in tale progetto. Una delle cose più belle di Camera Soul è il fatto che è una “famiglia”, Beppe Sequestro ad esempio è un amico da sempre dei fratelli Lombardo come tutte le altre persone che si sono sempre avvicendate nel gruppo. Il tipo di musica che loro hanno pensato di proporre al pubblico è un tipo di musica molto più “spendibile” per l’estero che per l’Italia, sia per il sound del gruppo che i testi in inglese, ma hanno trovato una persona Marco Rossi che è il loro discografico da sempre (anche dei Marchiobossa) che ha fatto un lavoro splendido, e cosi in poco tempo sono arrivati i primi successi in Inghilterra e negli Stati Uniti, oltre che iniziare ad avere lo stesso successo strepitoso anche in Italia. Continua a leggere

Arteteca al Teatro Cilea fino al 12 novembre con “Cirque du Shatush”: intervista

locandina cirque

Da ieri sera, 9 novembre e fino al 12 novembre al Teatro Cilea un divertentissimo spettacolo di cabaret degli ArtetecaCirque du Shatush”, diretto da Ciro Ceruti.

Lo spettacolo narra della “lotta” fra il personaggio di Enzo che vorrebbe un circo più essenziale e minimalista, e quello di Monica che invece vede il Circo come una grande favola, pieno di ballerine, acrobati, spettacoli megagalattici, con lustrini e paillettes. Il tutto intervallato da diverse storie nelle storie, nel momento in cui arrivano sul palco, all’improvviso, i vari personaggi che fanno parte della storia artistica degli Arteteca.

Quasi due ore di spettacolo dove si ride dall’inizio alla fine, ripercorrendo le storie dei personaggi che fanno parte del vissuto quotidiano di tutti noi, dai fidanzati un po’ kitsch, agli sposini dove lui è “strapazzato” dalla neo moglie, ai personaggi dei vari format televisivi come “Uomini e Donne” come i divertentissimi Kevin e Samantha, a tanti altri personaggi. Come un finale a sorpresa che non vi sveliamo per farvi incuriosire e andare a Teatro.

Continua a leggere

Salvatore Lampitelli in arte Sabba: l’assoluta rivelazione canora del 2017

di Annamaria De Crescenzo

Una voce, un sorriso strepitoso, una grinta fuori dal comune, una grandissima voglia di farsi conoscere ed apprezzare come musicista e cantante, l’incontrastato vincitore di “The Winner is”, talent di grandissimo successo condotto da Gerry Scotti: Salvatore Lampitelli, in arte Sabba.

In attesa del concerto che si terrà domani sera, 10 novembre, al Teatro Bolivar di Napoli, abbiamo avuto l’onore e il privilegio di porgli alcune domande sulla sua carriera e sui suoi progetti.

Iniziamo da te, dalla tua storia. Figlio d’Arte, tuo padre e’ un musicista, quando e come è iniziata la tua carriera di cantante e musicista o, meglio ancora, quando hai sentito dentro di te che nella vita era questa l’unica strada adatta a te e ai tuoi sogni ? Insomma raccontaci di te.

Mio padre da ragazzo aveva una band. Per la famiglia, per il lavoro, non ha potuto portare avanti il percorso di musicista. Ma ancora oggi ha una gran voce. Quando ero piccolo i miei facevano i ballerini, così, standogli dietro, cominciai anche io. Dai 10 ai 18 anni ho portato avanti la mia carriera di ballerino, e sono stato professionista per qualche anno. Quando mi esibivo nelle competizioni open, regionali e nazionali, canticchiavo le canzoni sulle quali ci facevano ballare. Avendo un papà cantante e musicista, ho sempre ascoltato un certo tipo di musica. Così, il passaggio è stato naturale. Ho cominciato a dedicarmi alla musica perché era un’esigenza. La prima esperienza è stata con Franco Del Prete. Con lui e i Sud Express abbiamo realizzato il disco “L’Ultimo Apache” prodotto da Rai Trade. Continua a leggere

Elisabetta Serio presenta il suo nuovo disco “16” per Napoli Jazz Club

Di Annamaria De Crescenzo

Elisabetta Serio ©AroundEventi

Spesso ho avuto l’impressione che Napoli sia più pronta ad osannare artisti stranieri o comunque italiani più che gli stessi suoi Artisti ma sabato 4 novembre questa sensazione è stata inequivocabilmente smentita.

Il concerto di Elisabetta Serio, dedicato alla presentazione del suo nuovo album “16” orenutosi per l’Associazione Napoli Jazz Club diretta da Michele Solipano, ha riscosso uno strepitoso successo fino ad un meritatissimo sold-out. Sala gremitissima, quindi, per una pianista di fama internazionale, fine compositrice e collaboratrice di artisti importantissimi come Pino Daniele, Rino Zurzolo, Noa e Sarah Jane Morris solo per citarne alcuni. Il disco, pubblicato dall’etichetta Via Veneto Jazz, contiene nove nuove composizioni della musicista napoletana, e il cui titolo (“16” si deve al particolare legame che la Serio ha con questo numero, sia per il suo significato nella Smorfia napoletana, sia perche’ è uno dei numeri  che rappresenta essenzialità e cambiamento, che fanno parte della vita e del fare musica dell’Artista e sia perche’ tale numero l’ha spesso accompagnata in circostanze speciali della sua vita, così come ha raccontato la stessa Elisabetta Serio sul palco della Domus Ars.

Il disco ha una particolare bellezza, pieno di atmosfere poetiche ma anche di riferimenti a quanto la stessa compositrice ha attinto negli anni da alcune icone del mondo musicale contemporaneo ai quali la Serio dedica due omaggi come nel caso di Brad Mehldau e Pino Daniele.

Continua a leggere

Recent Entries »