Emma Marrone al Teatro Palapartenope di Napoli per “Essere qui Tour”

di Francesca Petrillo
Foto: SpectraFoto

A oltre due anni di distanza dall’ultimo album “Adesso”, Emma torna più evoluta, matura e consapevole con un disco che descrive la musica, senza paura di confrontarsi con un sound internazionale e un linguaggio del tutto innovativo che definisce appieno la sua attuale personalità.

Essere qui” è un disco di undici tracce che mostra una femminilità concreta e ottimista senza però perdere il senso della realtà. È stato il Palapartenope di Napoli, il Palazzetto in cui Emma ha chiuso questa prima parte del suo tour cominciato il 16 maggio dal Palalottomatica di Roma e proseguito per un totale di sette date in giro per l’Italia. La cantante ha scelto la città partenopea per mettere un punto, che non è definitivo, bensì’ un punto di partenza, come ha
affermato lei stessa sui social (“torno presto”).
L’artista salentina mostra sempre il suo carattere e la sua forte personalità, dichiarando di non avere più timore dell’avvenire, dal momento che per lei l’onestà è uno dei valori fondamentali nella sua vita: “Voglio guardarmi allo specchio e per la prima volta in 34 anni, dirmelo da sola: sì, sei stata brava. Nonostante tutto, non hai mollato e ad ogni concerto, al pubblico hai regalato
la parte migliore di te. Perché se la meritano tutta fino in fondo”.
A questo disco hanno collaborato diversi autori, però vi è anche un brano scritto dalla stessa cantante: “Sorrido lo stesso”. Quest’ultimo, come ha dichiarato la Marrone ai microfoni di Fanpage,” è la sintesi di tutto quello che ho vissuto fino ad oggi, di tutto quello che ho imparato, di quello che ho dovuto lasciarmi alle spalle, perché poi il nostro lavoro non è sempre rose e
 fiori come molti pensano”. Per Emma la semplicità e l’umiltà sono due dei valori essenziali nella vita di ognuno di noi e ciò è espresso anche dal fatto che lei non ha mai rinnegato le sue origini modeste, come afferma una sua canzone “La felicità è un’idea semplice”. In questo senso la vita artistica della nostra cantante ne è una prova lampante.

Non ci resta che aspettare il prossimo 7 giugno, data del concerto
tributo a Pino Daniele presso lo stadio San Paolo di Napoli al quale l’Artista parteciperà con un gruppo di musicisti e artisti della musica italiana ed internazionale.

Intanto i “marroncini” attendono con trepidazione il suo prossimo disco e il prossimo tour per ascoltare colei che può essere definita la leonessa della musica italiana.

Alla prossima avventura.

 

Francesco Gabbani al Napoli Pizza Village 2017: “Occidentali’s Karma”

di Annamaria De Crescenzo
Foto:Spectrafoto
Photogallery

Quinta serata al Napoli Pizza Village organizzato da Oramata Grandi Eventi in collaborazione con Radio RTL 102.5 con il concerto di Francesco Gabbani.

Si era fatto conoscere proprio a Sanremo 2016 con “Amen” ma la vera consacrazione l’ha ricevuta quest’anno con il brano “Occidentali’s Karma” e la vittoria (a sorpresa per molti) che l’ha ripagato di una gavetta lunga e difficile. Come dice lo stesso cantante “Il successo è arrivato tardi ma credo sia un vantaggio. A 34 anni ho un rapporto lucido con la fama e con la mia personalità già formata non riesco scossoni o sconvolgimenti”. Un successo che arriva dopo la vittoria al Festival di Sanremo che lo ha portato prima alla conduzione degli MTV Awards, alla trasferta a Kiev per l’Eurovision Song Contest, alla partecipazione dai Wind Awards o al concerto di Radio Italia in Piazza Duomo.

Continua a leggere

Alex Britti al Napoli Pizza Village 2017 : “Speciale”

di Annamaria De Crescenzo
Foto:SpectraFoto
Phogallery

Quarta serata al Napoli Pizza Village organizzato da Oramata Grandi Eventi in collaborazione con Radio RTL 102.5 con il concerto di Alex Britti e tanti altri ospiti.

Alex Britti nato a Roma è un autodidatta della musica, da sempre infatti il cantante ha sempre raccontato che la sua scuola è stata la strada. Il suo stile è un misto tra blues e rock partecipando sin dagli inizi della sua carriera (a 17 anni ha fondato il suo primo gruppo) a vari festival blues e lavorato con artisti di fama mondiale. Nel 1992 inizia a scrivere canzoni in italiano ma il primo disco non ebbe il successo sperato che arriva invece nel 1998 quando il PIM (Premio Italiano della Musica) lo proclama miglior artista esordiente e nel 1999 con “Oggi sono io” vince le Nuove Proposte al Festival di Sanremo che sarà scelta e reinterpretata da Mina due anni dopo. Nel 2000 l’album “La Vasca” con il quale vinse il triplo disco di platino e partecipa nuovamente al Festival di Sanremo con “Sono contento”, e su tale palco ritornerà poi anche nel 2003 con un altro brano di successo “7000 caffè, e nel 2006 con “Solo con te”. Negli anni successivi porterà in giro per l’Italia tour di grandissimo successo, e collaborato con grandissimi nomi della musica italiana e internazionale, oltre a firmare le colonne sonore di film come “Uomini senza donne” (1995), Stressati (1996) e “Immaturi” (2011). Nel 2017 il suo ultimo Album “In nome dell’amore ‘ Volume 2 “che segna un nuovo percorso umano e musicale di Alex Britti, un disco importante dove il cantautore romano si mette in gioco evidenziando non solo una continua e rinnovata ricerca musicale ma anche la sua volontà di mettere in luce l’amore come sentimento protagonista della vita e della sua produzione musicale.

Continua a leggere

Ermal Meta al Napoli Pizza Village 2017: la poesia a Napoli

di Annamaria De Crescenzo
Foto:SpectraFoto
Photogallery

Lunedì 19 giugno la terza serata dell’Edizione Napoli Pizza Village 2017 organizzata da Oramata Grandi Eventi e con la collaborazione di Radio RTL 102.5 ha presentato uno dei grandi idoli delle nuove generazioni in un concerto strepitoso e seguitissimo dal pubblico napoletano: Ermal Meta.

Nato in Albania, trasferitosi in Italia all’età di 13 anni a Bari troncando ogni rapporto con il padre, da lui definito violento (questa sua sofferenza lo porterà poi a scrivere l’ultimo successo “Vietato Morire”), cresciuto ascoltando musica classica (la madre è una violinista professionista) ha provato a 5 anni ad imparare a suonare pianoforte ma troppa severità, ricomincia a suonare a 16 anni (pianoforte e chitarra), facendo parte di diversi gruppi prima di entrare a far parte degli Ameba 4 in qualità di chitarrista, con i quali prende parte al Festival di Sanremo 2006 nella sezione “Giovani” ma senza successo visto che viene eliminato in prima serata. Poco dopo il gruppo si scioglie. Nel 2007 ha fondato il suo gruppo “La Fame di Camilla” con il quale realizza tre album e una serie di concerti live fino alla grande platea di Sanremo 2010 con il brano “Buio e Luce”. Dopo lo scioglimento del gruppo, intraprende l’attività di autore che lo porta a scrivere brani per molti interpreti italiani come Emma, Francesco Renga, Patty Brano, Chiara, Marco Mengoni, Francesca Michielin, Francesco Sarcina, Giusy Ferreri, Lorenzo Fragola oltre a curare gli arrangiamenti di alcuni brani per i Negrita e per i già citati Renga e Sarcina. Nel 2015 inizia la sua carriera da solista e da cantautore con la pubblicazione del singolo “Odio le favole” e prende parte a Sanremo Giovani 2015 e alle Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2016. La consacrazione è la partecipazione alla sezione “Big” sempre del Festival nel 2017 dove si classifica al terzo posto con “Vietato Morire” vincendo il “premio miglior cover “interpretando la canzone “Amara Terra mia “di Domenico Modugno e il “Premio della Critica Mia Martini”. A due settimane della manifestazione sanremese “Vietato Morire” salì al primo posto degli album più venduti in Italia. Da marzo è uno dei giudici della XVI Edizione del talent show “Amici di Maria De Filippi”.

Continua a leggere

The Giornalisti al Napoli Pizza Village 2017 : Un successo senza confini

di Annamaria De Crescenzo
Foto:SpectraFoto 
Photogallery 

Dopo il successo della prima serata inaugurale del Napoli Pizza Village, evento organizzato in collaborazione con la radio ufficiale RTL 102.5, con l’applauditissimo concerto de I Kolors nonostante il tempo non proprio favorevole che ha costretto gli organizzatori a spostare l’inizio del concerto previsto di oltre un’ora, altra serata di grandissima musica con band indie rivelazione dell’anno The Giornalisti, formatosi nel 2009 e composta  da Tommaso Paradiso, Marco Primavera, e Marco Antonio Musella.

Continua a leggere