Recensione: Emilia Zamuner Anteprima della IV Edizione di “Pignatelli in Jazz”

di Clementina Abbamondi

In occasione dell’apertura serale della “notte dei Musei”il 21 settembre ,nella bellissima veranda neoclassica di Villa Pignatelli si è svolto il concerto anteprima della IV Edizione della Rassegna “Pignatelli in jazz”.

Emilia Zamuner, direttore artistico della Rassegna, ha detto al numerosissimo pubblico presente : “Vorrei riuscire a coinvolgere i giovani perché desidererei che Napoli possa essere una città dalla quale non debbano andare via ma bensì una città che riesca ad accoglierli dando anche delle opportunità , per questo motivo ho pensato che in questa IV Edizione ogni concerto verrà aperto dalle mie piccole allieve del “Centro della Voce” di Marina Tripodi .Questa sera si esibirà per la prima volta alla presenza di un pubblico così numeroso Marzia Croce” .

La giovane allieva di Emilia Zamuner ha cantato una bellissima ballata “The nearness of you” che la stessa Emilia aveva  interpretato  in occasione della finale del” Premio Internazionale Massimo Urbani” incantando la giuria e decretandone la vittoria nel 2016.

La stessa  Emilia al pubblico presente al concerto “sono contenta ed emozionata che intervenite così numerosi  e mi dimostrate un grande affetto  a tutti gli eventi  che organizzo , e ringrazio anche i miei amici musicisti che mi accompagnano stasera in questo concerto anteprima: Paolo Zamuner al pianoforte, Massimo del Pezzo alla batteria, Gabriele Pagliano al contrabbasso ed il Maestro Giulio Martino al sax” e ancora :  “il Maestro Giulio Martino mi ha insegnato ad amare così tanto  la musica jazz,ad assaporarne l’essenza”.

Emilia Zamuner ha  ringraziato anche la Dott.ssa Rosanna Naclerio Vicedirettore del Museo per l’ospitalità .

Durante il concerto sono stati eseguiti dei brani standards come “A Sentimental mood” dove Giulio Martino ha eseguito un assolo splendido ed intenso col suo sassofono , “La ragazza d’Ipanema” di Antonio Carlos Jobim e ancora un brano di George Gershwin “Somebody loves me”.

Nell’ esecuzione del  brano “Io so che ti amerò”, composto da Vinicius de Moraes e Antonio Carlos Jobim e realizzato in versione in italiana da Sergio Bardotti  ed  Ornella Vanoni , Emilia Zamuner  è riuscita ad incantare il pubblico con la sua melodiosa e soave voce,applauditissima per i suoi “scat”   e i suoi vocalizzi spettacolari. Incantevole  quando con la sua voce riproduce  il suono della tromba in maniera perfetta. Di grande effetto anche i virtuosismi al piano di Paolo Zamuner, le incursioni del batterista Massimo del Pezzo sempre con grande delicatezza e maestria e gli assoli del bravissimo contrabbassista Gabriele Pagliaro.

Perfetto l’interplay raggiunto dai vari strumenti  ai quali si fonde perfettamente la bellissima e duttile voce di Emilia Zamuner.

Alla fine del concerto Emilia ha salutato i presenti con un ultimo brano “Twister” e ha ringraziato il padre e la madre per il loro costante sostegno  e ha ricordato al pubblico che la IV Edizione di Pignatelli in jazz prenderà il via nel mese di marzo.

Dopo aver ringraziato il pubblico che ha tributato a lei e ai musicisti del gruppo un caloroso applauso si è recata al Circolo  nautico Posillipo dove ha ricevuto il Premio Internazionale “Posillipo cultura del mare”.

“il mio mare mi ispira ogni giorno e mi fa tirare un sospiro di sollievo ,mi fa andare avanti a credere in quello che faccio! Grazie Napoli” 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.