Tag Archives: Tosca

Recensione: Tosca in “Appunti musicali dal mondo” per l’Associazione I Senzatempo di Avellino

di Annamaria De Crescenzo
foto di SpectraFoto

 

Ultimo appuntamento della rassegna del 2018/2019 organizzata dall’Associazione I Senzatempo di Avellino diretta da Luciano Moscati che ha portato sul palco allestito nella sala dell’Hotel de La Ville che ospita da diversi anni ormai la rassegna stessa con uno dei concerti, a mio modesto parere, degli ultimi dieci anni della musica italiana contemporanea con Tosca in “Appunti musicali dal mondo”. Il concerto ha ben rappresentato il tema centrale della Rassegna “I Colori della Musica” che quest’anno ha portato in scena da ottobre a maggio tantissimi artisti nazionali ed internazionali come Toninho Horta, Bungaro, Danilo Rea & Ramin Bahrami, Joe Barbieri, Neney Santos che hanno portato la loro musica fatta di jazz, pop, musica brasiliana, cubana ed etnica agli appassionati della musica, e non solo jazz, che aderiscono da anni all’Associazione.

“Un vaso di Pandora, una sorta di giro del mondo intorno alla musica e alle parole che si arricchisce di canzoni nuove, scoperte o ritrovate”. È così che la stessa artista ha definito “Appunti Musicali dal Mondo” un progetto che ha dato vita ad un disco pubblicato nel 2018 che mette il punto e ripercorre le tappe più significative del suo cammino artistico tra sperimentazioni, ricerca e nuovi arrangiamenti.

Un progetto che cattura l’idea e l’essenza del viaggio per Tosca, cantante, artista eclettica e ricercatrice musicale, da sempre affascinata dalle musiche tradizionali di tutto mondo. Pezzi rari e melodie introvabili, contaminazioni con altre culture intrecciate alle nostre radici, in un live che per l’occasione abbraccia grandi classici della tradizione italiana e canzoni dal suo repertorio. Sono confini e sconfini del suono della voce, come recita il sottotitolo del concerto, un crogiuolo di melodie e parole, poetico e vibrante, quasi un “racconto in musica” che, anche grazie al sapiente utilizzo di lingue molto lontane fra loro, passa tra le suggestioni del fado portoghese, della morna, i canti augurali dei matrimoni Yiddish, una canzone libanese e una ballata zingara fino ad approdare alle sponde italiane della musica d’autore e popolare, con uno straordinario omaggio alla canzone romana che da tempo Tosca valorizza oltre i confini laziali.

Continua a leggere

Il 26 maggio a L’Associazione SenzaTempo una grande Artista : Tosca in “Appunti Musicali dal Mondo”

 

Tosca ed i Suoi Appunti Musicali dal Mondo

Il 26 maggio a chiusura della rassegna de i Senzatempo 2018/2019 ed in ossequio ad una precisa vocazione dell’associazione avellinese ed alla idea che ha caratterizzato le scelte della direzione artistica per questa stagione musicale, con la volontà di  andare oltre i confini, i porti chiusi, i limiti culturali e mentali, con un progetto di grande respiro, arriva sul Palco con i suoi Appunti musicali dal mondo, Tiziana “Tosca” Donati.

Il suo è un vero e proprio viaggio musicale in giro per il mondo,nato dalla collaborazione con artisti nazionali ed internazionali, che vede l’artista romana cimentarsi in ben venti lingue diverse. Un atto di coraggio e di speranza, un modo per cantare al mondo intero che non esistono distanze e differenze che non siano un arricchimento per tutti gli esseri umani.

Con disinvoltura, Tosca passa dal fado portoghese, alla  ninna nanna russa, attraverso le ballate zigane sino ad arrivare al canto popolare più vicino a noi, quello napoletano, universale per eccellenza, melodioso e carico di dolore.

Divenuta popolare grazie alla vittoria Sanremese, accanto a Ron, ormai da anni,  Tosca calca le scene dei teatri più importanti d’Italia, avventurandosi in percorsi non sempre semplici ed ortodossi, andando aldilà di quello che un certo sistema musicale a volte impone ad un artista. Porta sul palco emozioni, sensazioni, e riflessioni. Percorsi tra parole e musica, che sono dei veri e propri viaggi tra le diverse culture del mondo, con una sola e grande vocazione, l’apertura a ciò che non conosciamo, perché solo la conoscenza può determinare una vera e piena accoglienza, che consenta agli esseri umani di valicare ogni confine fisico. Il suo è uno spettacolo, o forse dovremmo dire molto più di uno spettacolo, emozionale, vibrante, poetico.

 

Continua a leggere