TEATRO POLITEAMA | 11 e 12 maggio 2022 – IL MURO DI NAPOLI

Gigi Savoia e Gianni Ferreri, mercoledì 11 e giovedì 12 maggio 2022 alle ore 21:00, saranno in scena al Teatro Politeama di Napoli, in Via Monte di Dio 80, con lo spettacolo “Il Muro di Napoli”, tratto dal romanzo omonimo di Giovanni Calvino e Giovanni Parisi, edito da Homo Scrivens. Adattamento e Regia di Roberto Pappalardo.

Debutta al Politeama “Il Muro di Napoli”, la commedia che racconta la Napoli del 1943 subito dopo la cacciata dei tedeschi e l’arrivo degli americani. Solo che, nella finzione scenica, a pochi giorni di distanza arrivano in città anche i russi, pronti ad alzare un muro che la divida in due.

Dal diffondersi di questa notizia si susseguono situazioni comiche, grottesche, drammatiche, che accompagnano lo spettatore in un vortice di emozioni, fino ad arrivare alle viscere della Napoli sotterranea dei ricoveri di guerra e delle anime pezzentelle.

Insieme a Gigi Savoia e Gianni Ferreri, in scena anche Patrizia Di Martino, Marianita Carfora, Roberto Pappalardo e Dalal Suleiman.

Le musiche originali sono di Mariano Bellopede, la scenografia è di Laura Simonet, i costumi sono di Francesca Colica, il progetto grafico è a cura di Mariano Ferreri.

Lo spettacolo è coprodotto da Teatro Augusteo e Associazione Libra Produzioni.

Sinossi: Napoli, 30 settembre 1943. È l’ultima delle Quattro giornate di Napoli. Alfonso Carotenuto, anziano professore di filosofia, comunista e fervente antifascista, raccoglie tutte le sue forze e, nonostante la cataratta e i suoi malanni fisici, decide di scendere in piazza a combattere i tedeschi in fuga. Con lui c’è Salvatore Borrelli, un tempo bidello della sua scuola, adesso custode del palazzo in cui abita.

Cacciati i tedeschi, Vincenzo, il figlio di Alfonso, di ritorno dalla campagna di Russia, viene arrestato in compagnia di alcuni soldati sovietici. Si sparge la notizia che, oltre agli americani, siano entrati a Napoli anche le truppe dell’Armata rossa. La notizia diventa virale, tutti ormai temono la costruzione di un muro che dividerà la città in due zone di influenza: a nord i russi, a sud gli americani.

Sofia, la figlia di Alfonso; Filomena, sua cognata; e a modo suo Salvatore, cercano di nascondere una tragica verità al professore, che riguarda il vero motivo del ritorno di Vincenzo. A rendere ancora più complicata la situazione è Assuntina, la fidanzata di Vincenzo, che nel frattempo è costretta a fare la ‘signorina’.

Ticket al botteghino Augusteo, rivendite autorizzate o su teatropoliteama.it (Poltrona o palco: 10,00 euro). Info: 081414243.

Ufficio stampa e comunicazione

Marco Calafiore

Vicenza Jazz 2022 dal 11-22 maggio e dal 14-17 luglio

XXVI Edizione

11-22 maggio + 14-17 luglio 2022

COMUNICATO STAMPA

Oltre 100 concerti per i 100 anni di Charles Mingus: la ventiseiesima edizione del festival New Conversations – Vicenza Jazz affronterà con la sua ormai celebre ricchezza di appuntamenti l’anniversario di una delle figure più rilevanti della storia della musica afroamericana. Dopo due edizioni scombussolate dalla pandemia, il festival ritorna nella sua tradizionale collocazione di calendario, dall’11 al 22 maggio, con un programma artistico (ideato da Riccardo Brazzale) esuberante per produzioni originali, omaggi mingusiani e grandi nomi: da Bill Frisell aJohn ScofieldJoe LovanoAvishai CohenRichard Bona assieme ad Alfredo RodriguezDavid MurrayJohn Surman, il ritorno dei Doctor 3Enrico Rava con Fred Hersch e Maria Pia De Vito.

La grande novità del 2022 sarà una inedita ripresa estiva del festival dal 14 al 17 luglio con appuntamenti di alto rilievo all’aperto: il Cross Currents Trio (con Dave HollandZakir Hussain e Chris Potter), Kurt EllingVijay Iyer e una serata scientifico-musicale con Mario Tozzi ed Enzo Favata. Il ‘raddoppio’ del cartellone è reso possibile dell’impegno del coproduttore Luca Trivellato che si unisce al Comune di Vicenza e alla Fondazione Teatro Comunale per festeggiare il centenario della Trivellato, azienda avviata nel 1922, anno di nascita di Charles Mingus.

A sostegno dei concerti di prima serata ci sarà un ricco contorno di altre proposte live: un programma che riempirà la città di Vicenza di jazz sounds dal pieno giorno a notte fonda.

Il festival New Conversations – Vicenza Jazz 2022 è promosso dal Comune di Vicenza in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, in coproduzione con Trivellato Mercedes Benz, con Aquila Corde Armoniche di Vicenza come sponsor e Acqua Recoaro come sponsor tecnico.

Nel vortice di Mingus

Le prime due serate della kermesse jazzistica vicentina saranno caratterizzate dalla fase conclusiva dell’Olimpico Jazz Contest, di sui si svolgeranno le semifinali (l’11 maggio in trasferta all’Auditorium Fonato di Thiene) e le finali (il 12 al Teatro Comunale di Vicenza). Il programma di queste serate comprende anche i primi live dedicati a Mingus. L’11 il contrabbassista Furio Di Castri rispolvererà il suo ormai storico progetto “Furious Mingus”, eseguendolo con un nuovo quintetto: attenzione alla numerologia mingusiana e agli accostamenti in altorilievo tra composizione e improvvisazione. Il 12, Di Castri affronterà la musica di Mingus da una ben diversa prospettiva: un solo di contrabbasso.

Continua a leggere

TRIANON VIVIANI, omaggio a Titina De Filippo “la magnifica” – da venerdì 6 maggio

fondazionedirezione artistica Marisa Laurito

Al Trianon Viviani, omaggio a Titina De Filippo “la magnifica”

Da venerdì 6 maggio, con la nuova produzione diretta da Francesco Saponaro,
prende il via “L’eredità Scarpetta”,
la minirassegna sulla maggiore famiglia teatrale del ‘900
con il patrocinio della Fondazione Eduardo De Filippo:
due spettacoli e un incontro di approfondimento
in collaborazione con l’università Federico II

Nuova programmazione di visita della “Stanza delle Meraviglie”, spazio immersivo sulla Canzone napoletana

Immagine che contiene testo

Descrizione generata automaticamenteCon la nuova produzione teatrale “Titina la magnifica”, sulla figura di Titina De Filippo, il Trianon Viviani dà il via a “L’eredità Scarpetta”, la minirassegna che intende approfondire alcuni aspetti del lascito artistico e culturale della maggiore famiglia teatrale del Novecento.

Venerdì 6 e sabato 7, alle 21, e domenica 8 maggio, alle 18, andrà in scena questo spettacolo scritto da Domenico Ingenito e Francesco Saponaro, liberamente ispirato dalla biografia Titina De Filippo. Vita di una donna di teatro, scritta dal figlio Augusto Carloni. Diretti dallo stesso Saponaro, che ha anche disegnato lo spazio scenico, sono protagonisti Antonella Stefanucci, nel ruolo del titolo, ed Edoardo Sorgente, che interpreta tutti gli altri personaggi, maschili e femminili.

Continua a leggere

Recensione: 30 aprile Giornata internazionale del jazz al Teatro “Iabal Masih ” Formia

di Clementina Abbamondi 

Ieri sabato 30 aprile 2022 si sono esibiti a Formia nel Piccolo Teatro “Iqbal Masih” due quartetti .I due concerti sono stati organizzati dall’Associazione “Jazz Flirt “musica &altri amori in occasione della Giornata internazionale del jazz istituita dall’UNESCO. La Giornata internazionale del jazz è nata da un’idea di Herbie Hancock,pianista ed ambasciatore UNESCO ma soprattutto icona mondiale di un jazz che sa guardare avanti ed espande la sua forza in tutto il mondo.Il jazz è un genere musicale che è ricco di momenti di improvvisazione,ricerca della libertà e rispetto della libertà stessa sia che si riferisca a quella individuale sia alla libertà dei popoli. Il jazz ,quindi,come strumento di pace e strumento educativo ed inclusivo. Gerardo Albanese ,alla guida del “Jazz Flirt” formiano ha presentato ,finalmente in presenza dopo i due lunghi anni della pandemia,due concerti di due gruppi di musicisti che hanno presentato i loro nuovi progetti.

Il gruppo “Brew 4et” è composto da Gianluca Manfredonia al vibrafono,Giuseppe Giroffi al sax,Alex Perrone alla batteria e Luca Varavallo al contrabbasso,che durante la pandemia hanno lavorato al loro ultimo progetto”DROPS” uscito da poco con l’etichetta norvegese Losen Records.

Il gruppo di musicisti ha in comune la passione per la musica e per il jazz che amano contaminare con sonorità nuove sempre con lo sguardo rivolto alla tradizione. A seguire si è esibito il gruppo dei “DAB FOUR” con Dario D’Abrosca  al sax tenore e alla tastiera, Cosmo Ripa alla tromba,Ivan D’Abrosca al basso elettrico,Rodrigo Bastoni alla batteria .

Il concerto dei “Brew 4et”è stato emozionante e coinvolgente.I musicisti sono talentuosi e ricchi di interplay che si percepisce durante tutto il concerto anche perchè oltre al dialogo dei vari strumenti è palese l’affiatamento ,un comune sentire ed un legame profondo di amicizia e stima che accomuna i componenti del quartetto.Il risultato è un suono che ti avvolge e ti coinvolge regalandoti momenti di grande intensità emotiva.

Di grande effetto ed originalità è stato l ‘utilizzo degli archetti con i quali Gianluca Manfredonia ha suonato il vibrafono dialogando con il contrabbasso di Luca Varavallo .Il risultato sono state delle vibrazioni uniche ed intense frutto oltre che dell’abilità dei musicisti di un continuo studio e sperimentazione del suono.

Bravissimi anche i musicisti del secondo gruppo i “DAB FOUR”che si è esibito sul palco dando prova di grande originalità con una costante ricerca sonora grazie all’ausilio di effetti e dell’uso del loop. Nel 2018 era già uscito il loro primo CD “The Time Machine” in trio. In questo concerto sul palco del Teatro formiano il gruppo ha presentato il nuovo progetto questa volta in quartetto  con la partecipazione del trombettista Cosmo Ripa che ne arricchisce le potenzialità espressive.

L’Associazione “Jazz Flirt” ha programmato un altro concerto il 21 maggio alle 21 sempre nel Piccolo Teatro “Iabal Masih” del duo Gabriele Coen al sax soprano e clarinetto e Francesco Poeti alla chitarra per il progetto “Jewish Experience” Il mondo musicale ebraico:klezmer,canzone yiddish,musica sefardita e jewish jazz. Inoltre presso il Ristorante “La Tavola dei Cavalieri” a Gaeta si potranno ascoltare due concerti nel mese di maggio che fanno parte della Rassegna “Jam in piazzetta” primavera 2022. Il primo concerto giovedì 12 alle ore 21 con Simone Pannozzo Power Trio -Il Funk e giovedì 26 sempre alle 21 con Cyrano Vatel Trio -Jazz Manouche.

Ravenna Jazz 2022 dal 4 al 13 maggio

49a Edizione

Ravenna, 4-13 maggio 2022

Una maratona di jazz in primavera: Ravenna Jazz torna a essere “dov’era e com’era” prima della pandemia, dopo le ultime due annate alterate dai lockdown. La quarantanovesima edizione si svolgerà dal 4 al 13 maggio: dieci giornate durante le quali si completeranno i recuperi dei concerti non realizzati nel 2020-2021, una base di live ai quali si aggiungeranno poi numerose nuove idee musicali.

Artisti di ampia notorietà come Pat Metheny (in trio), Sarah Jane Morris e Nick The Nightfly (ospiti dell’Italian Jazz Orchestra) saliranno sul palco del Teatro Alighieri, mentre all’interno del format “Ravenna 49° Jazz Club”, caratterizzato da ambientazioni in piccoli teatri e club, si ascolteranno proposte attuali e stimolanti (Paula Morelenbaum, Lionel LouekeShai MaestroSalvador Sobral, i 75 Dollar Bill, il Khalab Live QuartetAlessandro Scala assieme a Fabrizio Bosso).

Sarà incastonato all’interno di Ravenna Jazz il gran finale dell’iniziativa didattica Pazzi di Jazz: la colossale produzione corale-orchestrale “Pazzi di Jazz” Young Project (con un vasto organico di baby musicisti in compagnia di Enrico RavaMauro OttoliniAlien Dee e Tommaso Vittorini).

L’immancabile workshop di “Mister Jazz” quest’anno si rinnova: anziché il singolo appuntamento che lo ha caratterizzato nel corso degli anni sono previsti due corsi, affidati al batterista Roberto Gatto (il 6 maggio) e al chitarrista Roberto Taufic (l’8), entrambi al Centro Mousiké.

Continua a leggere

LIVE JAZZ CONCERTS al SALONE MARGHERITA dal 7 maggio

Il grande jazz dal vivo in una delle più belle sale di Napoli con la direzione artistica di Alberto Bruno.

Il Live Tones e il Salone Margherita di Napoli si uniscono per una nuova iniziativa che vestirà i colori del Jazz nei prossimi mesi di maggio e giugno

Il Live Tones porterà al Salone Margherita ogni settimana una band diversa con ospiti della scena jazz tra i musicisti italiani di maggior talento. I due ideatori del progetto, pur se in campi musicali diversi, da anni sono protagonisti dell’intrattenimento di qualità a Napoli, e oggi si uniscono per offrire ai cittadini e ai turisti un’esperienza che guarda al passato glorioso del jazz  per riproporlo oggi in chiave moderna e con spirito rinnovato in una delle sale più affascinanti della città. 

Un concerto diverso ogni settimana in linea con la filosofia del Live Tones, un appuntamento fisso per apprezzare appieno lo spirito del jazz negli storici spazi del Salone Margherita che hanno segnato la storia del Cafè Chantant e che ormai con Pasquale Barbaro si sono aperti a nuove iniziative e proposte.

La rassegna ha inizio il 7 maggio per proseguire il 15, 21 e 28 maggio e il 4 giugno 2022.

Sabato 7 Maggio 2022 h.21.30

Gabriel Marciano meets Domenico Sanna

Domenico Sanna pianoforte

Gabriel Marciano sax alto

Giulio Scianatico cbasso

Cesare Mangiocavallo batteria

Il progetto nasce dall’incontro di due musicisti, anagraficamente distanti tra loro, ma con tantissimi punti in comune, dall’arte alla cucina. Lo stile e la ricerca hanno spinto Domenico Sanna e Gabriel Marciano a voler portare nero su bianco la loro musica, piena di influenze e stimoli provenienti dal nuovo mondo del jazz statunitense e da tutta la tradizione jazzistica.

A Domenico Sanna e Gabriel Marciano sul palco ad accompagnarli in questo progetto due talentuosi musicisti della scena jazz odierna Giulio Scianatico al cbasso e Cesare Mangiocavallo alla batteria.

Saranno rispettate tutte le disposizioni legislative nazionali regionali e comunali Covid19.

Salone Margherita, Via Santa Brigida, 67 Napoli

Prenotazione al link: https://forms.gle/i6Hx3YcGYMoGt2pe7

Info e Prenotazioni: 081426097/ 3389941559/ 3356369512

TRIANON VIVIANI, “L’EREDITA’ SCARPETTA” con spettacoli teatrali e incontri – da venerdì 6 a lunedì 23 maggio

Posta in arrivo

fondazionedirezione artistica Marisa Laurito

Al Trianon Viviani, “L’eredità Scarpetta” con spettacoli teatrali e incontri

La minirassegna sulla maggiore famiglia teatrale del ‘900 con il patrocinio della Fondazione Eduardo De Filippo

Due nuove produzioni con la regia di Francesco Saponaro: “Titina la magnifica”, omaggio originale a Titina De Filippo
e la commedia “
La donna è mobile” di Vincenzo Scarpetta, parodia musicale della lirica

All’università Federico II il primo appuntamento di “2000 Eduardo”, a cura di Giulio Baffi

Da venerdì 6 a lunedì 23 maggio

Immagine che contiene testo, persona

Descrizione generata automaticamenteL’8 novembre 1911 Vincenzo Scarpetta inaugurava il Trianon, il nuovo teatro elegante sorto per incentivare lo sviluppo abitativo dell’insula del Risanamento vicina a Forcella.

In scena con la fortunata commedia paterna Miseria e Nobiltà, il capocomico debuttava nel ruolo di don Felice Sciosciammocca, dopo aver interpretato a lungo il ruolo del figlio Peppeniello, segnando così il passaggio di testimone con papà Eduardo.

Per approfondire alcuni aspetti del lascito culturale della maggiore famiglia teatrale del Novecento, il direttore artistico Marisa Laurito ha dedicato, nel mese di maggio, una piccola rassegna sugli Scarpetta – De Filippo.

Intitolata “L’eredità Scarpetta” e posta sotto il patrocinio della Fondazione Eduardo De Filippo, si compone di due nuovi allestimenti in prima assoluta, prodotti dal Trianon Viviani, per la regia e il disegno dello spazio scenico di Francesco Saponaro, e di un primo incontro di approfondimento sul lascito artistico di Eduardo De Filippo sui giovani artisti, in collaborazione con l’università degli studî di Napoli Federico II.

Continua a leggere

Pomigliano Jazz celebra la Giornata internazionale del Jazz il 30 aprile con un concerto di Marco Zurzolo, la presentazione del libro “I Napoletani non sono romantici” (Colonnese editore) e la visita alla mostra “Sound Stories”, al Palazzo dell’Orologio (Corso Vittorio Emanuele ) di Pomigliano d’Arco

POMIGLIANO JAZZ presenta

International Jazz Day

Sabato 30 aprile 2022

Al Palazzo dell’Orologio di Pomigliano d’Arco

Ore 18.15 visita guidata alla mostra

Sound Stories – Jazz ed altre storie

Ore 19 incontro

I Napoletani non sono romantici

A seguire concerto

Marco Zurzolo Quartet

Ingresso gratuito – www.pomiglianojazz.com

Sabato 30 aprile 2022 si celebra in tutto il mondo l’International Jazz Day, la giornata internazionale del jazz giunta quest’anno all’undicesima edizione. Nata da una idea di Herbie Hancock e sostenuta dall’UNESCO, l’iniziativa si svolge in contemporanea in circa 200 paesi al mondo con incontri, concerti, jam session e workshop. Un appuntamento atteso che intende valorizzare e celebrare il potere di aggregazione e dialogo interculturale che caratterizza questo genere musicale, aperto alle più svariate influenze.

Anche Pomigliano Jazz festeggia questa giornata con diverse iniziative in programma il 30 aprile. Dalla visita guidata alla mostra “Sound Stories – Jazz ed altre storie”, allestita al Palazzo dell’Orologio di Pomigliano d’Arco in collaborazione con Spazio Musica e sostenuta dalla Regione Campania e dal Ministero della Cultura, alla presentazione del libro “I Napoletani non sono romantici” (Colonnese editore), fino al concerto del Marco Zurzolo Quartet, sempre al Palazzo dell’Orologio. Il sassofonista partenopeo, sarà accompagnato per l’occasione da Piero De Asmundis al pianoforte, Marco De Tilla al contrabbasso e Vittorio Riva alla batteria.

Continua a leggere

TEATRO AUGUSTEO | 4 maggio – GIOVANNI ALLEVI “Estasi Piano Solo”

Al Teatro Augusteo di Napoli, Piazzetta Duca D’Aosta 263, mercoledì 4 maggio alle ore 21:00, il compositore di fama mondiale, il Maestro Giovanni Allevi, torna al suo amato pianoforte con suggestive melodie e ritmiche intense. La tappa napoletana del suo tour europeo, con le composizioni dell’ultimo progetto discografico “Estasi”, sarà l’occasione per un emozionante viaggio dell’anima attraverso le note del pianoforte, per toccare dal vivo il più sublime degli stati di coscienza della condizione umana.

In sala lo spettatore potrà viaggiare tra le luminose suggestioni di “Kiss me again”, l’esplosiva ritmica di “Prog me”, la sussurrata preghiera di “My Angel”, il tormento terreno di “Lucifer” e alcuni dei brani che negli anni hanno reso il Maestro Allevi uno degli artisti più apprezzati al mondo, da “Aria” a “Come sei veramente” a “Back to Life”. In scaletta anche momenti di riflessione come quello sul destino della Terra, attraverso le note di “Our Future”, brano presentato all’Earth Day European Network, di cui Allevi è Ambassador, a Glasgow in occasione della COP26.

Giovanni Allevi è compositore e pianista di fama internazionale, responsabile di un profondo rinnovamento della musica colta, riportando l’arte della composizione all’attenzione delle nuove generazioni. Ha calcato i palchi delle più importanti sale da concerto del mondo intero. Grazie al suo impegno intellettuale è punto di riferimento filosofico sui concetti di innovazione e analisi del cambiamento.

Cavaliere della Repubblica Italiana per meriti artistici e culturali, tra le tante onorificenze ricevute è anche Ambassador di Save the Children, in prima linea nella difesa dei diritti dei più piccoli. L’Agenzia Spaziale Americana NASA gli ha intitolato un asteroide: giovanniallevi111561. Il suo ultimo libro, uscito a ottobre 2021, è intitolato “Le regole del Pianoforte – 33 note di musica e filosofia per una vita fuori dall’ordinario” (Ed. Solferino).

Ticket al botteghino, nelle rivendite autorizzate o su teatroaugusteo.it (Poltronissima € 48,00 / Poltrona € 43,00 / Galleria € 29,00). Info: 081414243.

Ufficio stampa e comunicazione

Marco Calafiore

30 aprile 2020 – International jazz day a Formia

30 aprile – GIORNATA INTERNAZIONALE DEL JAZZ

Piccolo Teatro Iqbal Masih

via Vitruvio 342,  Formia – ore 21,00

Data importante quella del 30 aprile per l’Associazione “JazzFlirt Musica & altri amori”.

            Istituita nel 2011, la Giornata internazionale del jazz, è nata da un’idea di Herbie Hancock e si celebra al termine del Mese del jazz. L’UNESCO credendo nel potere del Jazz come strumento per promuovere società inclusive, ispirate ai valori universali della pace, del dialogo e della comprensione reciproca, nel novembre 2011 ne ha proclamato la ricorrenza.

            Anche quest’anno l’Associazione JazzFlirt si unisce con entusiasmo a questa vera e propria festa, celebrando il suo principale amore e riproponendo questo linguaggio musicale definito dall’Unesco “un mezzo per sviluppare e aumentare gli scambi interculturali e la comprensione tra le culture ai fini della reciproca comprensione e tolleranza”.

             “JazzFlirt – Musica & altri amori” riparte quindi con questa finalità, e a far risuonare le note della comprensione tra i popoli saranno due quartetti che l’anno scorso, in piena pandemia, ci hanno offerto il loro contributo in video e che noi quest’anno riproponiamo “live”.

            Ad aprire l’evento, nel Piccolo Teatro “Iqbal Masih, a Formia, saranno i BREW 4et, Gianluca Manfredonia (vibrafono), Giuseppe Giroffi (sax), Luca Varavallo (contrabasso) ed Alessandro Perrone (batteria) con il loro progetto “DROPS” da poco pubblicato per l’etichetta norvegese “Losen Records”.            Un progetto che parte da suoni acustici, quasi a denunciare con forza il legame con la tradizione jazzistica e con una concezione sonora ben precisa. Ma ciò non è un vincolo anzi, è la sfida di proporre modernità concettuale e melodica, cultura musicale ad ampio spettro, senza perdere l’essenzialità di un suono naturale, semplice, quasi antico.

            Partendo da standard della tradizione i Brew 4et sviluppano la loro idea musicale per arrivare a composizioni originali offrendo un sound innovativo e mai banale.

            A seguire si esibiranno I DAB Four, Dario D’Abrosca (Sax Tenore, Tastiera), Cosmo Ripa (Tromba), Ivan D’Abrosca (Basso elettrico con e senza tasti), Rodrigo Bastoni (Batteria), che propongono brani originali con una costante ricerca sonora grazie all’ausilio dell’effettistica e della registrazione estemporanea mediante loop. Il progetto nasce come trio nel 2016 a cui, un anno fa, si aggiunge la tromba che ne arricchisce le potenzialità espressive.

            La formazione, con uno spiccato interplay, ha una naturale preferenza per i tempi dispari ed i groove incalzanti su cui si incastonano riff e temi, proposti di sovente in sezione con i due fiati.
            I riferimenti musicali vanno dal jazz modale al progressive, dalla fusion al nu jazz.            Attualmente sono impegnati nella preparazione del loro secondo album, il primo col nuovo organico allargato, che includerà il brano “Introspect” il cui video ha raggiunto numerosissime visualizzazioni sui diversi canali social.

Ingresso a offerta libera

info@jazzflirt.net                                                      

gerardo.albanese@jazzflirt.net

www.jazzflirt.net cell. .338- 6924358 – cell. 335-7049918

https://www.facebook.com/Jazzflirt/

https://instagram.com/jazzflirt?igshid=YmMyMTA2M2Y=

« Vecchi articoli Recent Entries »