FESTIVAL ETHNOS XXVI EDIZIONE dal 10 al 26 settembre

STIAMO TORNANDO! 
 
Dal 10 al 26 settembre la XXXVI edizione del
FESTIVAL Ethnos , che quest’anno avrà luogo nelle incantevoli ville vesuviane di S. Giorgio a Cremano, Portici, Ercolano, Torre del Greco e Torre Annunziata.
 Non vediamo l’ora di cominciare, a breve, la comunicazione del programma,
VI ASPETTIAMO!

Recensione: Roberto Vecchioni al Festival di Cervo: Musica & Parole

Recensione e Foto di Vittorio Santi

Nello scrigno della piazza dei Corallini anche questa sera si vive di magia.

L’appuntamento del 6 Agosto con Il Prof. Vecchioni non delude.

Distanziamento sanificazione e attese per recepire le nuove misure anti Covid non hanno impedito al pubblico di riempire tutti i posti a disposizione, anche sul sagrato davanti alla chiesa.

Da menzionare anche l’impegno e la grande professionalità degli Organizzatori nel gestire l’uscita del pubblico al termine della serata.

La serata inserita nel programma del 58° Festival è stata organizzata con la collaborazione del Club Tenco ha avuto come preludio una veloce ma significativa intervista da parte degli studenti del Liceo Vieusseux di Imperia a Roberto Vecchioni.

“La musica è un fatto istintivo “è il messaggio che ha voluto far arrivare ai giovani studenti.

Poi è iniziato il concerto; la sua voce e la chitarra sapientemente orchestrata da Massimo Germini ci hanno tenuto compagnia per più di 90 minuti.

Ha ripercorso molti dei suoi successi ma anche, molte canzoni conosciute perlopiù dai cultori della sua musica: insomma il Prof a 78 anni ancora riesce ad incantare ed attrarre.

Tra aneddoti e parole e anche qualche momento ludico, i testi e la musica che hanno certamente segnato momenti di vita di noi tutti, sono risuonate tra le antiche mura di questo paese affacciato sul mare.

Al termine del concerto quando le luci si sono spente, il pubblico è scivolato via nelle strette viuzze del paese, ho avuto modo di scambiare due parole con lui: la semplicità fatta a persona, la sensibilità che non è mai venuta meno in questi anni, come quando mi è stato chiesto: “ma ..Genova..il Ponte”

A Terni arriva Umbria Jazz Weekend dal 16 al 19 settembre

La pandemia ha impedito il regolare svolgimento delle ultime due edizioni di Umbria Jazz Spring, ma è stato fatto di tutto, in piena sintonia tra le Istituzioni e la Fondazione Umbria Jazz, e con il convinto sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, per confermare, quest’anno, l’appuntamento ternano. Pur con diverse (e inedite) date ed un altro titolo.
Ecco quindi Umbria Jazz Weekend in programma a Terni dal 16 al 19 settembre per riallacciare il filo di un evento che ormai fa parte stabilmente del “sistema” Umbria Jazz che ha trovato una consolidata articolazione territoriale nell’itinerario Terni-Perugia-Orvieto.
L’evento di fine estate sarà un episodio unico, perché dal prossimo anno si intende tornare alla consueta scadenza primaverile con Umbria Jazz Spring (14 -18 aprile).

LA FORMULA
Sono quattro giorni pieni di musica: 10 location, 62 eventi, 19 band e circa 90 musicisti sulla scena. Il clou del Festival è ambientato nell’Anfiteatro Romano, dove si svolgeranno i quattro spettacoli serali (ore 21) preceduti da altrettanti eventi al Baravai Stage (ore 19) nella medesima area archeologica.
Intensa è la programmazione nei locali, ben sei, che ospiteranno tutti i giorni concerti pomeridiani e serali. Infine, una location d’eccezione: la Cascata delle Marmore dove si esibiranno, domenica 19 settembre, ore 11.30, i Funk Off.
Si può ritrovare nella scelta delle location (l’Anfiteatro e le Cascate) un tema che fa parte del DNA di Umbria Jazz: la musica negli ambienti storici e naturali, coniugando il suono della contemporaneità e delle metropoli del Nuovo Mondo con i paesaggi più suggestivi e il patrimonio artistico di una regione carica di storia. Una apparente “contraddizione” che ha sempre prodotto forti suggestioni.
La programmazione in sei locali di diversa natura, ma identificabili tutti come luoghi di riferimento della socialità, di fatto mantiene una continuità con la vita culturale cittadina.

NELL’ANFITEATRO il pianoforte occupa un ruolo speciale con tre pianisti ai vertici della scena nazionale ed europea: dal duo Rita Marcotulli/ Dado Moroni si va al piano di Danilo Rea (con ospite speciale Fiorella Mannoia), fino alla star Monty Alexander, giamaicano di nascita e newyorkese di adozione che ha saputo coniugare i ritmi della sua terra con l’eredità di musicisti come Oscar Peterson. Pianista, oltre che cantante e songwriter, è anche Sergio Cammariere, alla guida di un ottimo quintetto jazz.
Si cambia registro e genere con due band di caratura internazionale, i cubani El Comité con i loro trascinanti ritmi caraibici, ed il gruppo funky di Ida Nielsen, bassista danese che ha fatto stabilmente parte degli ultimi progetti di Prince.
Infine, l’estro di Mauro Ottolini, uno dei musicisti più originali del jazz italiano, che con “Bix Factor” rende omaggio al leggendario Bix Beiderbecke, stella effimera quanto drammatica del jazz degli anni venti. Un genio che visse troppo poco.

NEL BARAVAI STAGE, ecco l’omaggio di Alessandro Bravo e Angelo Lazzeri alla formula pianoforte-chitarra declinata da Bill Evans; il blues e soul di Angela Mosley, che affonda le radici nelle tradizioni della sua città, Chicago; il nuovo progetto “La Bella Stagione” di Don Antonioalter ego di Antonio Gramentieri; il piano solo di Alessandro Bravo.

NEI CLUB le band ospiti sono: Accordi Disaccordi, trio di musica gipsy tra jazz e swing, un genere che rimanda alla figura di Django Reinhardt; l’elegante duo Francesca Tandoi, pianoforte e voce, e Stefano Senni, contrabbasso; il sestetto di Michael Supnick, che ripercorre i fasti della swing era non facendosi mancare neppure una coppia di ballerini; il progetto “Modalità Trio e Duet”, che ruota attorno alla figura di un personaggio carismatico del jazz italiano, Massimo Moriconi, con Nico Gori e Ellade Bandini (Modalità Trio) e la cantante Emilia Zamuner (Duet); il quartetto di Daniele Scannapieco, sassofonista ai vertici della scena italiana, con alle spalle una lunga carriera cominciata negli High Five al fianco di Fabrizio Bosso, e con Mario Biondi; il sestetto guidato dal trombonista e arrangiatore Roberto Rossi e dal sassofonista Piero Odorici, con ospite speciale il trombettista francese Stéphane Belmondo e il pianista Riccardo Biseo, talento multiforme che lo ha portato a percorrere anche strade diverse, dal cinema alla televisione e al teatro, fino alla commedia musicale e alla canzone d’autore.

Funk Off, che ormai sono una sorta di cartolina illustrata di Umbria Jazz, presenti a tutte o quasi le edizioni, accoglieranno il pubblico alle CASCATE DELLE MARMORE in una atmosfera festaiola nel rispetto della tradizione della marching band, un pezzo di storia del jazz che la band toscana reinterpreta in chiave moderna.

Radio Monte Carlo è la radio ufficiale di Umbria Jazz Weekend.

Il 2021 di Umbria Jazz si concluderà con Umbria Jazz Winter #29 a Orvieto in programma dal 29 dicembre al 2 gennaio 2022.

Maggiori info al seguente link:

UmbriaJazz
UmbriaJazz
UmbriaJazz

I Soul Katch Trio chiudono la rassegna “Summertime in Jazz” 2021

In collaborazione con il Comune di Travo

Ferragosto in Jazz alla Pietra Perduca a ritmo gypsy

Domenica 15 agosto il concerto conclusivo di “Summertime in Jazz” sul sagrato dell’oratorio di S. Anna

Piacenza, 11 agosto 2021 – Dopo uno stop di un anno a causa delle incertezze seguite al primo lockdown, torna a grandissima richiesta uno degli appuntamenti più amati della rassegna Summertime in Jazz, quello sulla Pietra Perduca, un luogo speciale e molto amato situato nel Comune di Travo, reso ancora più suggestivo e incantevole grazie alla musica. Unica eccezione ai concerti serali, questo del Soul Katch Trio sul sagrato dell’oratorio di S. Anna si terrà alle 18.30 del giorno di Ferragosto, che quest’anno cade di domenica.

La rassegna è organizzata dall’associazione Piacenza Jazz Club grazie al contributo fondamentale della Fondazione di Piacenza e Vigevano, della Regione Emilia-Romagna e di tutti i Comuni e le Proloco coinvolte. Il concerto è a ingresso gratuito senza possibilità di prenotazione del posto. Sono garantite tutte le misure in termini di sicurezza richieste per gli spettacoli dal vivo.

Fondato da Hillary Katch insieme a Stefano Zeni e Mauro Sereno il “Soul Katch Trio” porta con sé una ventata di freschezza e originalità, grazie alla poliedricità e improvvisazione dei tre artisti che lo compongono. Il gruppo nasce dall’estro creativo del chitarrista Hillary Katch (polistrumentista, già apprezzato e conosciuto nei circuiti Manouche) con l’intento di avvicinare il pubblico, nella semplicità e spensieratezza, alle caratteristiche sonorità del Jazz Manouche, ovvero di quel genere che ha reso possibile l’unione tra l’antica tradizione musicale zingara del ceppo dei Manouches e il jazz americano. Il repertorio spazia dallo Swing degli anni Venti e Trenta, come vecchi valzer “manouche” e musette, riscoperti e riarrangiati nel massimo rispetto delle esecuzioni originali, pezzi parte della tradizione popolare dell’Est Europeo, non “scritti” su rigo musicale, ma tramandati di padre in figlio e diffusi in Europa attraverso le migrazioni e le tradizioni Tzigane, ma anche composizioni che si rifanno al Country Rock, brani Blues e di Musica Irlandese.

Hillary Katch, voce, chitarra ritmica, cajon e pandrum del gruppo, ha il suo primo approccio con la musica all’età di 6 anni, quando gli viene regalato un ukulele da suo padre. In Italia dal 1987, collabora con diversi gruppi Rock, Pop, Country, Blues e Soul. Il percorso artistico lo porta al Jazz nel 2007, collaborando con vari musicisti a livello nazionale e internazionale.

Tutte le info in tempo reale su http://www.summertimejazz.it oppure sui social, la pagina http://www.facebook/piacenzajazzfest, il profilo Twitter www.twitter/pcjazzclub attraverso l’hashtag #SummertimeInJazz o su Instagram con il profilo del Piacenza Jazz Club.

Si conclude con questo concerto ferragostano il programma 2021 di “Summertime in Jazz 2021”, che vi dà appuntamento alla prossima estate per nuovi concerti nelle perle di Val Trebbia e Val d’Arda. Dopo una brevissima pausa riprenderanno invece in città già ai primi di settembre le attività del Piacenza Jazz Club con la rassegna “Piacenza Suona Jazz!” prima e, a seguire, la 18ª edizione del Piacenza Jazz Fest.

Recensione: Manu Chao a Verghereto ospite della rassegna Dante Trail

Recensione e Foto di Max Radicchi (www.massimoradicchi.it)

Sveglia presto, si riparte. Un nuovo concerto.

Questa volta non sono solo, due miei cari amici vengono con me, loro in veste di pubblico pagante e io come fotografo.

Un’ora di macchina tra le curve, in mezzo alla natura, in mezzo ai boschi.

Arriviamo alle Balze di Verghereto, parcheggiamo la macchina.

Voi penserete :”sono arrivati, parcheggiano e si godono il concerto…”.

Beh…non proprio.Tre percorsi diversi…inferno, purgatorio e paradiso.

Pensate a Dante? E fate bene, perché nella valle del Savio, lui passo’ e stazionò. I

l festival organizzato da Retropop Live si chiama Dante Trail, rifacendosi proprio al sommo poeta e alla più Divina delle opere mai scritte.

Il percorso Infernale richiede 4 ore di camminata circa

Difficoltà alta.

Il purgatorio richiede circa 1h e 40 minuti con salite però di tutto rispetto. Difficoltà media.

Il terzo ed ultimo percorso ( Paradiso) richiede circa 1h e 20 minuti e una difficoltà medio-bassa.

Scelgo il purgatorio. Non è infin dei conti la vera  condizione del genere umano?

Si parte dal paesino e si sale.Proviamo immediatamente a rompere il fiato ma subito una ripida salita ci mette un po’ in difficoltà.

Ho 30 kg sulle spalle. Simone va veloce e fa da traino, poi nel giro di 20 minuti, il nostro sherpa (Gigi) ci sorpassa entrambi e crea il vuoto. Non lo vedremo più per 40 minuti.

Andiamo avanti di buon passo…prima dell’ultima salita ricompare Gigi di corsa.

Io ho la lingua di fuori, fa freddo , ho messo una maglia. Simone in maniche corte.

Gigi a petto nudo.Eroe.

Finalmente scorgiamo delle figure Dantesche di giallo vestite (gli steward) .

Prima selezione, biglietti e accrediti. Altri 100 metri, altra velocissima fila (passo subito, poiché accreditato) e siamo dentro. O meglio…fuori.

Di fronte un mare d’erba…una quercia in mezzo al prato…Piccolo,piccolo ,piccolo un palchetto. Più che un palco, sembra una scrivania.

Il vento si fa sempre più forte…ci porta quasi via. Sembra piovere, invece no.

Teli…tappeti…zaini…birra ,vino e piadine. Mi piazzo vicino alla console.

La gente continua ad arrivare dai vari percorsi.

Il clima è di festa.L’odore è inconfondibile e non mi riferisco a quello delle piadine.

L’unico green pass richiesto è quello della natura. Della natura che si fonde con la musica…

In lontananza vedo del movimento mi avvicino , penso:”e’ lui!”.

Cazzo no. È Biagio Antonacci ( venuto anche lui a godersi il concerto ).

Saluti, selfie con gli astanti. Me ne ritorno al mio posto.

Concerto ritardato di due ore causa vento che nella notte ha divelto bar , palco e tutto quello che si poteva portare via.

Dopo circa un’ora, ancora una volta vedo movimento…ricorro la’. Stavolta è lui.

Inconfondibile.Con il suo cappellino.

Saluta tutti come farebbe un vecchio amico arrivato in ritardo ad una festa.

Sale sul palco, la gente non si tiene più…la sicurezza ha le sue difficoltà.

Le mille anime che hanno attraversato inferno, purgatorio e paradiso lo aspettavano da 4 ore.

Mille anime ed un clandestino.

Che il concerto abbia inizio.

Il vento va, il vento viene.

Un concerto strepitoso.

Quando ho la fortuna di assistere a questi spettacoli penso che

il mio sia il lavoro più bello del mondo.

I miei amici si divertono ed io con loro. Le ragazze dietro di me ballano per due ore e mi chiedono foto.

Il tempo si è fermato.

A nessuno è dato sapere cosa ci accadrà domani…perché la vida es una tombola.

Manu Chao dopo Dante è passato di lì.

Verghereto 5 agosto 2021.

Cineconcerto di Teho Teardo in esclusiva per il TOdays Festival “A Man Falling. Teho Teardo suona La Jetèe”

Cineconcerto: “A Man Falling. Teho Teardo suona La Jetèe”

Esclusiva assoluta per il TOdays Festival

venerdì 27 agosto, ore 23

Torino

“A Man Falling. Teho Teardo suona La Jetèe” è il nuovo progetto che il compositore, musicista e sound designer presenterà in esclusiva, venerdì 27 agosto, sul palco del TOdays Festival a Torino.

“Precluso il futuro, la speranza è nel passato. Precluso lo spazio, la speranza è nel tempo”, con queste parole Teho Teardo, tra i più originali ed eclettici artisti nel panorama musicale europeo, rivive dentro il film La Jetée di Chris Marker.

Durante il cineconcerto, sono due i film che verranno proiettati: il primo, dal titolo “A Man Falling”, in esclusiva assoluta per il TOdays, è un cortometraggio che vede Teardo alla regia per la prima volta (insieme a Orazio Guarino); il secondo è “La Jetée”, film di culto e pietra miliare del cinema. Sul palco, insieme a Teardo, ci saranno anche la violoncellista Laura Bisceglia e la violista Ambra Chiara Michelangeli.

Inedite le musiche che verranno eseguite dal vivo, inedita la visione di “A Man Falling”, in cui compaiono l’attore Michele Riondino nel ruolo di protagonista insieme a Liliana Cavani, la nota regista del film Il Portiere di Notte. Il cortometraggio, girato interamente sull’Appia Antica alle porte di Roma, è impreziosito dalle voci del commediografo e sceneggiatore irlandese Enda Walsh e di Blixa Bargeld. Sarà, quindi, uno spettacolo del tutto originale quello del 27 agosto al TOday Festival, nelle modalità come nei contenuti.

Nel film La Jetèe, Teardo ha ritrovato alcune risposte al bisogno di relazione e connessione dopo un lungo periodo di separazione, che in parte dura ancora oggi.

Non ci siamo più visti – spiega Teardo – Non erano bocca e naso ad essere coperti da una mascherina, ma i nostri occhi. Durante la pandemia non potevamo vederci. La maschera era sugli occhi come quella del protagonista del film di Chris Marker, La Jetée.

Ma è nella successiva lettura della recensione che lo scrittore J. G. Ballard fece del film che Teho ha trovato l’ispirazione per le musiche, che non sostituiscono assolutamente quelle originali, e per il corto A Man Falling.

Continua a leggere

Riparte dal 18 agosto CHIAVARI IN JAZZ 2021

Chiavari in Jazz 2021

18 – 28 agosto – 4 settembre

Riparte “Chiavari in Jazz” la rassegna nata nel 2013 sotto le insegne di “Jazz on Air” che negli anni ha visto crescere in modo esponenziale l’interesse nei suoi confronti da parte di pubblico e media. In programma, nella suggestiva location di Piazza Nostra Signora dell’Orto, tre concerti che vedranno artisti protagonisti nel jazz e nella musica di qualità.

Dopo la pausa forzata dello scorso anno la macchina organizzativa, sotto la spinta dell’amministrazione chiavarese, si è rimessa in moto. “Chiavari in Jazz” è una manifestazione organizzata del Comune di Chiavari che con convinzione punta sempre di più sulla qualità e sull’esclusività delle sue proposte.

La direzione artistica della rassegna è affidata a Rosario Moreno che per questa edizione a messo a punto un cartellone di indubbia qualità e ricercatezza mettendo a segno anche un produzione in esclusiva per “Chiavari in Jazz”.

Il 18 agosto, per il concerto di apertura, il mandolinista di fama internazionale Carlo Aonzo con un nuovo ambizioso ed originale progetto appositamente realizzato per “Chiavari in Jazz”, insieme al suo storico trio coinvolge il poliedrico batterista Ruben Bellavia e come ospite speciale l’eclettico sassofonista Daniele Sepe. Filo conduttore del progetto sono il mandolino di Aonzo e le funamboliche invenzioni di Sepe. In repertorio brani originali e rielaborazioni che incontrano il jazz, il folk, la world music e il rock, con forti influenze statunitensi e sudamericane in un mix ricco di atmosfere e sonorità a cavallo fra musica colta e tradizione.

Il secondo concerto, in programma il 28 agosto, vedrà protagonista Nino Buonocore, artista che ha scritto pagine importanti della musica d’autore italiana, che presenterà il suo ultimo lavoro discografico dal titolo “In Jazz – Live”, dove, accompagnato da una band d’eccezione, propone il meglio della sua musica, riarrangiata e impreziosita di raffinate sonorità jazz, grazie anche alla presenza di uno special guest di grande levatura come il sassofonista Max Ionata.

Il terzo appuntamento sarà il 4 settembre per un concerto con un vero e proprio gigante della musica: Tullio De Piscopo. Autore di successi planetari, leggenda vivente della batteria con prestigiose collaborazioni internazionali che lo hanno visto protagonista nel jazz, nel blues, nella musica d’autore e nel pop. Accompagnato dalla sua band De Piscopo regalerà un concerto che è un viaggio musicale attraverso le sue mille esperienze dove si intrecciano tamburi e percussioni.

I concerti sono tutti ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria (info@chiavariinjazz.it) nel rispetto delle normative anti-covid19.

Continua a leggere

Recensione: Walter Ricci in “Stories” feat Stefano Di Battista

di Annamaria  De Crescenzo
Foto di SpectraFoto (www.spectrafoto.com)

Ennesimo successo di pubblico per il concerto organizzato, giovedi 5 agosto, dall’Associazione Napoli Jazz Club diretta da Michele Solipano, nell’ambito dell’intensa programmazione estiva musicale e teatrale in scena negli spazi all’aperto dell’Agora’ Scarlatti al Vomero, di una delle voci piu’ rappresentative del panorama musicale italiano Walter Ricci che ha presentato il suo ultimo album “Stories“.

Walter Ricci é cresciuto sempre in ambienti musicali grazie al padre musicista che lo ha formato all’ascolto di ogni genere musicale anche se, fin da giovanissimo, è stato il jazz a incuriosirlo ed appassionarlo, dallo swing al bebop sino al contemporany jazz. In pochissimi anni è riuscito a conquistarsi i palchi dei jazz club più ambiti a livello nazionale ed internazionali e collaborare con musicisti affermati e di rinomata esperienza.
Uno dei primi “trampolini di lancio” importanti è stata la vittoria nel 2006 al “Premio Nazionale Massimo Urbani” durante il quale incontrò Fabrizio Bosso che spesso lo ha voluto con sè nei suoi concerti e che lo ha sostenuto anche negli anni a seguire partecipando a numerosi progetti di Walter Ricci.
Altro importantissimo incontro per la sua carriera è stato con Stefano Di Battista con il quale si é esibito in Italia e all’estero, in Francia, Spagna e Svizzera soprattutto e non a caso è stata la guest star del concerto dell’Agorà dando vita ad una serata di bellissima musica e di grande testimonianza di amicizia e di stima professionale tra i due artisti italiani.
Molte le collaborazioni e gli incontri che hanno contribuito alla sua carriera artistica come l’incontro con Pippo Baudo che lo invitò come vocalist dell’orchestra della Rai per Domenica In del 2009/2010 permettendogli di duettare con artisti di fama internazionale tra i quali Michael Buble’ e Mario Biondi, con il quale collabora ad un suo disco e partecipa al suo tour di quell’anno.
Da tali esperienze, come quella delle varie partecipazioni a prestigiose rassegne e festival internazionali come “Monk Competition” di Los Angeles e “New Wave Contest” in Russia dove si aggiudica il primo posto, e la partecipazione al progetto di Dede Ceccarelli dedicato a West Side Story del quale è la voce, gli fanno acquisire un notevole bagaglio di esperienza che lo rendono capace di diventare una delle voci più interessanti del panorama musicali e di gestire con sicurezza e competenza il palco tanto da essere considerato, a giusta ragione, uno dei naturali eredi dei più famosi crooner del mondo come Michael Bublé, Frank Sinatra solo per citarne alcuni.


Ma Walter Ricci non è solo “voce”, negli anni ha imparato a suonare il piano e soprattutto comporre dei bellissimi brani non solo per il suo repertorio artistico ma anche per musicisti importanti come Antonio Faraò per il quale ha scritto due brani “News from …” e “Through the Day” prsenti nel disco “Eklektik”, e si è esibito in concerti di successo sia con formazioni proprie che in collaborazione con artisti di chiara fama, riuscendo a creare uno stile personale che spazia dal jazz al pop con grande eleganza e talento.

Continua a leggere

Quartieri Jazz in concerto sabato 7 agosto ore 21.00 presso l’agriturismo Il Gruccione

Ultimo appuntamento prima della pausa estiva col “JAZZ IN VIGNA” per sabato 7 agosto a partire dalle ore 21.00 nella splendida location dell’Agriturismo Il Gruccione della famiglia Iovino.
Un’oasi al centro dei Campi Flegrei con uno splendido panorama sul golfo di Pozzuoli.

La brezza d’estate all’insegna dell’enogastronomia tra i colori e i profumi del tramonto puteolano e l’ottima musica della Quartieri Jazz, che dopo le degustazioni dei prodotti tipici della natura, delizieranno gli ospiti che saranno accompagnati in uno splendido scenario tra i vigneti del Montespina. Un connubio studiato ad hoc alla ricerca di un piacere autentico che coinvolga tutti i sensi.
Dopo le degustazioni, ci sarà il concerto dei Quartieri Jazz ed il loro Neapolitan Gipsy Jazz con Mario Romano alla chitarra classica, Marco Ciardiello al piano, Dario Franco al basso ed Emiliano Barrella alla batteria. La storica formazione presenterà al pubblico un viaggio musicale attraverso i loro due album: “E strade ca portano a Mare” e l’ultimo lavoro discografico “Le 4 giornate di Napoli” ispirato alla rivolta partenopea.

Un estratto del Jazz in vigna: https://www.youtube.com/watch?v=hhyoPMVSzsg

FORMULA DELLA SERATA:
Una serata a portata di tasca (20 euro) e prevede:
• Assaggio di casatiello napoletano
• Primo mare e monti a base di pasta e fagioli con le cozze
• Concerto del gruppo Quartieri Jazz
• Dessert post concerto
• Calice di Falanghina
• Ampio parcheggio gratuito
Jazz in Vigna a Pozzuoli: prezzi, orari e date
• Quando: Sabato 7 agosto ore 21.00
• Dove: Tenuta Il Gruccione in Via San Gennaro Agnano, 63 Pozzuoli (lato Napoli)
• Prezzo biglietto: degustazioni e concerto 20 euro
• Contatti e informazioni: info e prenotazioni 340.489.38.36 mail: quartierijazz@live.it
• Evento facebook:  https://fb.me/e/4vOL1nCiX
• Sito ufficiale: http://www.quartierijazz.com

Tutto l’evento rispetterà le norme vigenti, posti limitati e distanziamento sociale.
Per poter partecipare all’evento è necessario esibire il proprio Green Pass all’accesso.

Recensione: Max Manfredi al Faber Festival, Giovanni Guidi a Portorotondo, Greta Panettieri quartet ad Alghero

Recensione e foto di Vittorio Santi 

Anche durante una vacanza non bisogna mai perdere l’abitudine di portarsi appresso la cara e amata reflex.

I motivi sono logicamente …cogliere le bellezze del territorio e…..sperare in qualche concerto da fotografare.

Ecco quindi che durante la mia permanenza in terra sarda ho potuto assistere a tre concerti ben diversi da loro:

Il primo( il 17 Luglio) celebrava il mio concittadino Fabrizio De Andrè al Faber Festival di Tempio Pausania, con l’esibizione del cantautore ligure  Max Manfredi, il quale ha riproposto una serie di brani storici di Faber, non trascurando la presentazione anche di alcuni sue canzoni vecchie e nuove.

Giusto il tempo di ….ricaricare le pile della reflex ecco che a Portorotondo (OT) il 19 Luglio appare quasi in sordina nell’anfiteatro Cerioli, il progetto di Giovanni Guidi: “Ojos de Gato”.

Una musica coinvolgente suonata con vigore e passione da tutta la Band. Ultimo ma solo per questioni temporali il 25 Luglio ad Alghero presso Lo Quarter l’esibizione di Greta Panettieri Quartet

Il pubblico presente ha potuto assaporare la varietà di toni e sfumature della sua voce ben valorizzata e supportata dalla band che non si è risparmiata durante tutta la durata del concerto. Insomma che dire non mi lamento… Se tutti i periodi feriali potessero essere accompagnati da buona musica e da queste occasioni, potrei anche pensare di andare in quiescenza!!

« Vecchi articoli Recent Entries »