MEETING JAZZ: GIOVANNI GNOCCHI, BAZZINI CONSORT E FLATIRON TRIO Nel Secondo appuntamento di Cremona Jazz sabato 12 giugno

Cremona, giugno 2021 – Un violoncellista di formazione classica, un’orchestra da camera, un trio jazz: sono gli ingredienti del secondo concerto di CremonaJazz, in programma sabato 12 giugno (ore 20) all’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino, che vede protagonisti Giovanni Gnocchi, il Flatiron Trio e il Bazzini Consort.

Meeting jazz è un incontro di jazzisti, ma anche di anime e di stili musicali diversi; è inoltre il primo appuntamento che vede alla ribalta il pianista Roberto Cipelli, artista “in residence” di questa sesta edizione di CremonaJazz, il quale tornerà venerdì 25 giugno in duo con Paolo Fresu per il gran finale della rassegna diretta da Roberto Codazzi.

Sabato 12 giugno Cipelli porterà con sé il suo Flatiron Trio, con il contrabbassista Loris “Leo” Lari e il batterista Davide Bussoleni, per presentare brani originali insieme a Giovanni Gnocchi, docente al Mozarteum di Salisburgo e violoncellista di respiro internazionale. Per l’occasione, Gnocchi si mette coraggiosamente in gioco presentandosi in una veste jazz: la prima parte della serata è dedicata alla sfida con il Flatiron Trio in una scaletta tra brani scritti e brani improvvisati, in cui le sorprese sono dietro l’angolo. La seconda parte vede invece Gnocchi eseguire, insieme al Bazzini Consort, il Concerto per violoncello, fiati e batteria di Friedrich Gulda, l’istrionico pianista e compositore austriaco che fu un antesignano del crossover in anni in cui il mondo della musica era ancora diviso in compartimenti stagni.

CremonaJazz è promosso da Museo del Violino e Unomedia, con il patrocinio del Comune di Cremona e il sostegno della Fondazione Arvedi Buschini, MDV friends, Adecco e Air Liquide.

Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulla rassegna sono disponibili sul sito www.cremonajazz.it.

Continua a leggere

Torna il Premio Bianca d’Aponte per cantautrici: 14 e 15 luglio ad Aversa

IL 14 E 15 LUGLIO IL PREMIO BIANCA D’APONTE

AD AVERSA IL RECUPERO DELLA FINALE DELLA 16A EDIZIONE DELL’UNICO CONTEST ITALIANO PER CANTAUTRICI

MADRINA DI QUESTA EDIZIONE È ARISA

Aversa tornerà ad essere per due giorni la capitale italiana della canzone d’autrice. Si terrà infatti il 14 e 15 luglio il recupero della finale della 16a edizione dell’unico contest italiano riservato a cantautrici, inizialmente prevista nello scorso mese di ottobre e poi rinviata per le disposizioni legate all’emergenza sanitaria.

In gara saranno BamBi da Napoli, Simona Boo da Termoli (Campobasso), Ebbanesis da Napoli, Lamante da Piovene Rocchette (Vicenza), La Zero da Piano di Sorrento (Napoli), Lucrezia da Bologna, Miglio da Brescia, Elena Romano da Firenze, Sara Romano da Monreale (Palermo), Veronica da Aversa (Caserta), Chiara White da Firenze.

Le serate si terranno negli spazi esterni del Liceo Scientifico Fermi, con inizio alle ore 20. Sarà possibile seguirle in streaming sulla pagine Facebook del Premio Bianca d’Aponte e di Rai Radio 1, media partner ufficiale dell’evento.

Madrina di questa edizione è Arisa, che ha confermato la sua disponibilità a partecipare alla serata finale, in cui interpreterà “Cantico dei matti” di Bianca d’Aponte (la cantautrice a cui la manifestazione è dedicata), insieme ad alcuni suoi brani. Avrà inoltre il compito di presiedere la giuria.

Continua a leggere

DEEPHO: esce domani il nuovo album CHIARO. Un autoritratto rap tra idealismo, ansia sociale e ricerca interiore

DEEPHO

esce domani

CHIARO
il nuovo album per peermusic ITALY

Deepho

Cover Chiaro

La ricerca dell’autenticità in un mondo dominato dall’ipocrisia, il bisogno di idealità e di libertà in una società che riduce gli individui alla loro funzione sociale e i pensieri a merce.

Prodotto da Michael Mills (con incursioni di Deriansky, Underwater e Talpah) e anticipato dai singoli Dita cotteTre Parole e Samoesce domani 11 giugno Chiaro, il nuovo album di Deepho per peermusic Italy. Senza alcuna preoccupazione verso le regole del mercato e con l’unica esigenza di mettere a fuoco uno stile assolutamente personale, Deepho tira fuori dodici pezzi che suonano come una traccia unica, un viaggio musicale fulmineo e senza tappe intermedie che, in poco meno di mezzora, riassume gli ultimi due anni di vita del giovanissimo rapper di Parma.

Continua a leggere

Dal 24 giugno al 5 luglio la quinta edizione del festival “A Vigevano Jazz”

Dal 24 giugno al 5 luglio torna “A Vigevano Jazz”

con l’omaggio a Lelio Luttazzi
di Caterina Comeglio e GMA Ensemble,

il sax di Rick Margitza & la Big Band Jazz Company

e il tributo a Charlie Parker di Emilio Soana e Cochi Ponzoni

VIGEVANO (PV) – Dopo lo stop forzato, causa pandemia, dello scorso anno, torna a Vigevano, dal 24 giugno al 5 luglio, il festival “A Vigevano Jazz”, manifestazione organizzata dal Comune di Vigevano e dall’associazione culturale Jazz Company con il patrocinio della Regione Lombardia e il sostegno di Banca Generali. Quest’anno la rassegna, il cui direttore artistico è il sassofonista Gabriele Comeglio, è inserita nel cartellone di “Vigevano Estate”, il palinsesto di eventi che animeranno nelle prossime settimane e nei prossimi mesi i luoghi più suggestivi della città dei Duchi.

La quinta edizione di “A Vigevano Jazz” porta in dote tre imperdibili appuntamenti per gli appassionati della musica di qualità (tutti gli eventi si svolgeranno nel cortile del Castello, è previsto un doppio set alle ore 20.30 e alle 22; ingresso libero con prenotazione obbligatoria on line sul sito vigevanoestate.it): il primo, in programma giovedì 24 giugno, è “Lelio!”, concerto-tributo a Lelio Luttazzi, il “re dello swing”, il grande artista triestino che ha attraversato in punta di piedi la storia della musica e dello spettacolo italiano. Scomparso nel 2010 a 87 anni, Luttazzi è stato non solo uno dei personaggi di maggior successo della canzone italiana degli anni Cinquanta e Sessanta, ma anche un protagonista di primo piano della televisione, della radio e del cinema. Alla presenza della moglie Rossana, che introdurrà la serata, renderanno omaggio a Lelio Luttazzi la GMA Ensemble e la vocalist Caterina Comeglio: in scaletta alcuni dei suoi più grandi successi, da “Legata ad uno scoglio” a “Pigro”, da “Souvenir d’Italie” a “Chiedimi tutto”, ma non solo.

La GMA Ensemble è un gruppo formato da giovani musicisti provenienti dai Conservatori di musica lombardi, che hanno già una notevole esperienza alle spalle, affiancati da professionisti di valore; Caterina Comeglio, una delle più promettenti cantanti jazz italiane, ha all’attivo collaborazioni con grandi nomi della scena pop, da Mika a Roby Facchinetti dei Pooh, e nel 2019 si è aggiudicata il Premio Luttazzi. È in uscita un suo album solista registrato ai mitici Capitol Studios di Los Angeles, con la partecipazione dei più importanti sessionmen americani (tra cui i sassofonisti Bob Mintzer e Brian Scanlon e il pianista Russell Ferrante).

Continua a leggere

ELLA AND FRANK // l’omaggio alla Fitzgerald e a Sinatra nell’album di Emilia Zamuner e Sergio Carlino

Lunedì 21 giugno 2021, il giorno della Festa Europea della Musica, verrà pubblicato il primo disco firmato dai due cantanti Emilia Zamuner e Sergio Carlino

Abbiamo immaginato un incontro discografico tra la Fitzgerald e Sinatra

Nel disco suonano il pianista Piero Frassi, il contrabbassista Massimo Moriconi e il batterista Massimo Del Pezzo

Ella Fitzgerald è l’unica performer con cui ho lavorato che mi rendeva nervoso. Credo che lei sia la più grande cantante al mondo”: parola di “The Voice”, Frank Sinatra.

Nonostante l’ammirazione che Ella Fitzgerald e Frank Sinatra nutrivano reciprocamente, le due più incredibili voci del Novecento non hanno mai realizzato un disco insieme. I due jazz-singer italiani Emilia Zamuner e Sergio Carlino hanno provato a immaginare un ideale incontro discografico tra i due artisti in questo loro album, intitolato “Ella and Frank”, in uscita il 21 giugno 2021 – in occasione della Festa Europea della Musica – con l’etichetta Useless Label.

Il disco esce in concomitanza con il 35esimo anniversario dalla scomparsa della Fitzgerald, avvenuta nel giugno del 1996: Ella è la cantante che, più di ogni altra, ha spinto Sinatra su territori improvvisativi da lui non sempre frequentati, come ha spesso ricordato lo stesso “The Voice” e come dimostrato dai loro duetti, inaugurati nel 1959 sugli schermi televisivi statunitensi.

Nelle tracce del disco di Zamuner e Carlino, che alterna duetti d’autore e brani per voce solista, trovano spazio la pirotecnica “Air Mail Special”, la sinuosa “The Lady is a Tramp”, le palpitanti “They can’t take that away from me” o “Puttin’ on the Ritz” e molto, moltissimo altro.

Continua a leggere

Simona Boo con Marco Gesualdi e PS3 di Pietro Santangelo per il week end live di FoquSound presso la Fondazione FOQUS di Napoli

Simona Boo con Marco Gesualdi e Guido Russo e i PS3 di Pietro Santangelo
sono i protagonisti del secondo week-end live di FoquSound

Continuano gli appuntamenti della rassegna live FoquSound presso Foqus – Fondazione Quartieri Spagnoli presso la Corte dell’Arte. Il terzo appuntamento dal vivo è con la suadente, e a tratti aggressiva, voce di Simona Boo affiancata dal chitarrista Marco Gesualdi e dal bassista Guido Russo. Mentre il quarto appuntamento live è dalle sonorità jazz grazie al trio capitanato da Pietro Santangelo al sassofono e Vincenzo Lamagna al contrabasso e Salvatore Rainone alle percussioni.


Sabato 12 Giugno inizio ore 19.30 ingresso su prenotazione-aperitivo da euro 10 e 17. 

Marco Gesualdi chitarrista-compositore napoletan, è fondatore dei Sei Sei Sei (666), la band protagonista della scena new wave napoletana degli anni ’80. Simona Boo, voce suadente e comunicativa che spazia fra il jazz e il mondo latin e front woman della 99 Posse. Il duo ancora una volta insieme per uno live caratterizzato dalla world music cantautorale. La loro collaborazione si sviluppa grazie all’amore comune per la musica del Brasile e la Canzone d’autore jazzata. Simona ha interpretato due brani nel disco “Now” Naples Open World pubblicato Marco Gesualdi edito da Rai.Com, un lavoro che vede Napoli al centro del Mondo Musicale. Un viaggio intenso, colorato e ricco di forti emozioni che i due trasportano dal vivo in un turbinio di atmosfere eleganti. Il duo, che torna ad esibirsi a Foqusound, sarà accompagnato dal basso di Guido Russo.



Domenica 13 Giugno con inizio ore 19.30 ingresso su prenotazione-aperitivo da euro 10 e 17.

Continua a leggere

When I Was a Young Girl è il nuovo singolo di Costanza Alegiani che anticipa l’album Folkways

When I was a young girl

Il nuovo singolo di Costanza Alegiani per la Parco della Musica Records.
Il 18 giugno: uscita nuovo album “Folkways e concerto alla Casa del Jazz di Roma.

Costanza Alegiani pubblica oggi, mercoledì 9 giugno, When I was a young girl, il singolo del nuovo album “Folkways” in uscita venerdì 18 maggio per la Parco della Musica Records, in occasione del concerto di presentazione alla Casa del Jazz di Roma.

Il brano, reso celebre dalle interpretazioni di Barbara Dane, Nina Simone e Fiest, vuole essere un omaggio a tutta la tradizione folk a cui l’album è interamente ispirato. In “Folkways”, la cantante e compositrice Costanza Alegiani propone sia brani originali che altri tradizionali e ricchi di storia, a cui riesce a donare nuova luce, tonalità e sfumature di colore. Nelle prossime settimane, è prevista anche l’uscita del videoclip della regista Loredana Antonelli.

Etichetta: Parco della Musica Records

Distribuzione: Egea Music

Spotify: https://open.spotify.com/artist/3vmXOe2R3Qaq9BGpIRkoei?si=SISVS_GATrmlHRA34VsmbQ

Apple Music https://music.apple.com/it/artist/costanza-alegiani/844663634

Facebook www.facebook.com/CostanzaAlegianiOfficial

Instagram www.instagram.com/costanza.al/

Gaito Ufficio Stampa e Promozione
guido@gaito.it | info@gaito.it
+ 39 06 45677859
Via Vincenzo Picardi, 4C
00197 Roma

PREMIO EUROMEDITERRANEO XIV EDIZIONE  sabato 12 giugno ad Ercolano


 L’Accademia Ercolanese annualmente assegna dei Premi alle migliori Tesi di Dottorato di Ricerca, svolte presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e presso l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. L’Accademia inoltre conferisce ogni anno, per la costituzione della Repubblica Internazionale dei dotti, un riconoscimento ad una delle personalità più illustri del Mezzogiorno d’Italia, che possa rappresentare un richiamo per le nuove generazioni ai valori morali, di etica e di pensiero, fondamentali per la sviluppo di una società più equa e più giusta. Per la quattordicesima edizione il riconoscimento sarà assegnato all’Onorevole Luigi Di Maio – Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale nell’occasione saranno consegnati i premi per tesi di dottorato, edizione 2021.

La cerimonia avrà luogo sabato 12 giugno alle ore 9.15 nell’Esedra della Villa Campolieto di Ercolano Corso Resina 283


dott.ssa Francesca Scognamiglio – ufficio stampa Fondazione Ente Ville Vesuviane 
dott. Gennaro Carotenuto – ufficio stampa comune di Ercolano  

“Il Giorno della Marmotta ai tempi del virus” : il nuovo libro di Carmine Scafa

Torna in libreria con un nuovo lavoro l’ingegnere Carmine Scafa che per la Paolo Loffredo Editore pubblica l’opera “Il giorno della marmotta ai tempi del virus”, un testo buonista scritto durante le prime due fasi del lockdown del 2020 che, con la pandemia da Coronavirus, ha spazzato via consuetudini e certezze per tutti i cittadini del mondo. Il libro di Scafa tuttavia riconosce nel dopo-pandemia, che non sarà mai uguale al “prima”, un’opportunità e una necessità di rinascita. Una parte del libro è dedicata alla città di Napoli, metafora di un popolo che sa sempre reagire e rialzarsi con dignità da ogni avversità.

Il giorno della marmotta ai tempi del virus è disponibile presso le seguenti librerie Mondadori via L. Giordano, Io ci Sto Piazza Fuga, Ubik Via B. Croce, Lieto Viale Augusto

Online: Amazon, Feltrinelli e IBS

Il costo del libro è 14,50 euro ed è disponibile:

Presentazione dell’autore

Negli ultimi quarant’anni la mia vita si è svolta nel pieno rispetto di una rigorosa routine governata dalle esigenze del lavoro, della famiglia, dal viaggiare per conoscere, dagli amici; un percorso che mi ha arricchito di esperienze e passioni. Una routine che ha avuto aspetti positivi e negativi che rivendico come essenziale parte costituente della mia persona. Poi è giunto il mese di marzo 2020: la pandemia chiamata Covid-19 che ha cambiato tutto, come una tempesta ha spazzato via consuetudini, scenari ritenuti consolidati e certezze ereditate dal passato. La quarantennale routine sostituita dalla ripetitività del “giorno della marmotta” imposto dalle restrizioni dovute al COVID-19. Una svolta nella mia vita. Una svolta nella vita di tutti i cittadini del mondo. Una convinzione che il “dopo pandemia” assomiglierà poco al “prima pandemia”. La parte iniziale del libro l’ho voluta dedicare alla mia città, Napoli: una città con problemi e situazioni irrisolte da decenni e decenni. Una città che ha reagito alle disgrazie della pandemia con sofferenza ma anche con tanta dignità, nonostante il racconto stereotipato di commentatori non sempre disinteressati.

Continua a leggere

David Hazeltine 4tet @Camera Jazz Club 13/06/21

David Hazeltine 4tet “Remember Cedar”

David Hazeltinepiano🎷Piero Odorici tenorsax

🎻Aldo Zunino bass 🥁Bernd Reiter drums

Questa band internazionale unisce tre grandi jazzisti europei, che si conoscono da molti anni per vari progetti, con una top star assoluta della scena jazz di New York il pianista David Hazeltine considerato un comprovato specialista della musica di Cedar Walton. Insieme i quattro musicisti seguono la loro passione musicale, il jazz straight-ahead classico e swinging moderno e si dedicano in questo tour al lavoro musicale della leggenda del pianoforte Cedar Walton, uno dei loro grandi modelli.

Hazeltine ha iniziato la sua carriera professionale nella zona di Chicago all’età di 13 anni, come pianista residente della Jazz Gallery di Milwaukee, ha avuto l’opportunità di accompagnare musicisti jazz ospiti come Sonny Stitt, Pepper Adams, Charles McPherson, Al Cohn, Lou Donaldson, Eddie Harris e Chet Baker. Quest’ultimo lo convinse a venire a New York per la prima volta nel 1981, e nel 1992 si trasferì finalmente nella Grande Mela. Negli anni successivi ha lavorato con Curtis Fuller, Junior Cook, Jon Hendricks, Louis Hayes, Ron Carter, Al Foster, Jon Faddis, James Moody, il sestetto hardbop One for All e moltissimi altri.

🪑 50 posti disponibili, distanziamento e sanificazione: tutto nella massima sicurezza possibile ✅ PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

reservations@camerajazzclub.com  

WhatsApp 391 1682442

Contributo concerto €20 a sostegno dei musicisti e delle attivita culturali dell’associazione “Jazz Club Bologna”

« Vecchi articoli Recent Entries »