Author Archives: Admin

TEATRO AUGUSTEO | DIANA DEL BUFALO E BAZ in “Sette spose per sette fratelli”

Diana Del Bufalo e Baz, esplosivi, divertenti, vulcanici, nuova coppia del teatro musicale italiano dal talento vocale dirompente, sono i protagonisti del musical “Sette spose per sette fratelli”, in scena al teatro Augusteo di Napoli, Piazzetta Duca D’Aosta 263, da venerdì 20 a domenica 29 gennaio 2023, con la regia e coreografia di Luciano Cannito e la direzione musicale di Peppe Vessicchio.

Dal libretto di Lawrence Kasha & David Landay; liriche di Johnny Mercer; musica di Gene De Paul; canzoni aggiunte di Al Kasha e Joel Hirschhorn; traduzione di Michele Renzullo; scene Italo Grassi; costumi Silvia Aymonino; produzione FDF Entertainment – Roma City Musical – Art Village.


“Sette Spose per Sette Fratelli” è uno dei musical più amati dal pubblico italiano. Questa nuova e divertente edizione, con un cast di 22 interpreti tra danzatori, cantanti e attori supportati da un grande impianto scenografico e meravigliosi costumi, progettati e creati secondo i canoni estetici e spettacolari di Broadway e di West End, è ispirata al celebre e omonimo film di Hollywood, ma con uno sguardo ai personaggi e alle ambientazioni del mondo ironico dei western di Quentin Tarantino.

Oregon, 1850, in una fattoria tra le montagne vivono i sette fratelli Pontipee. Adamo, il fratello maggiore, pensa sia arrivata l’ora di trovare una moglie che si occupi della casa e della cucina. Conosce Milly, cameriera della locanda del villaggio, tra i due è colpo di fulmine. Adamo e Milly si sposano e partono per la fattoria. Arrivati a casa Pontipee, Milly scopre che dovrà prendersi cura non solo del marito, ma anche dei suoi fratelli, sei rozzi montanari rissosi e refrattari all’igiene personale e alle buone maniere. Milly mette in riga i sei ragazzi e comincia segretamente a progettare di unire i sei cognati con le sue amiche del paese. L’occasione si presenta a una festa danzante annuale, in cui i sei fratelli Pontipee, puliti e ben vestiti, danno prova della loro abilità alle amiche di Milly. La festa vedrà opposte le squadre dei cittadini e dei montanari, degenerando presto in una rissa. I fratelli Pontipee tornano sconsolati alla loro fattoria e Milly scopre che i sei ragazzi si sono innamorati delle sue amiche. Sanno però che i genitori delle ragazze non acconsentiranno mai alle nozze, così organizzano un rapimento…

Ticket al botteghino del teatro, nelle rivendite autorizzate o su teatroaugusteo.it (Platea € 55,00 / Galleria € 44,00). Info: 081414243.

Link promo video dello spettacolo: https://youtu.be/GrU0S-c2o0Q

Teatro Augusteo

Ufficio stampa e comunicazione

Marco Calafiore

Recensione: Claudio Giambruno in “Overseas” 4tet per Napoli Jazz Club

Di Annamaria De Crescenzo
Foto di SpectraFoto (http://www.spectrafoto.com)

Sabato 14 gennaio un altro grande concerto jazz fortemente voluto da Napoli Jazz Club diretta da Michele Solipano che ha proposto al pubblico campano un grande talento del jazz italiano come Claudio Giambruno che per tale occasione ha presentato un suo nuovo progetto che è di una bellezza musicale entusiasmante “Overseas “ 4tet con Andrea Rea al piano, Dario Rosciglione al contrabbasso, Amedeo  Ariano alla batteria, una sezione ritmica di grande qualità, affidabilità ed esperienza.

Claudio Giambruno, classe 1982 è residente a Palermo, ha conseguito il diploma accademico di secondo livello in sassofono jazz al Conservatorio “A. Scarlatti” di Palermo, con la votazione di 110 e lode e menzione d’onore, e ha perfezionato gli studi sul sassofono e sulla tecnica dell’improvvisazione seguendo masterclass e clinics tenute da alcuni tra i più grandi maestri del panorama jazzistico internazionale, come Barry HarrisSeamus BlakeMark TurnerSteve Grossman e Jerry Bergonzi.

Vincitore del Premio Nazionale delle Arti, categoria jazz, nel 2013 e finalista del Premio Internazionale per solisti di jazz Massimo Urbani nel 2012, attualmente ricopre il ruolo di sassofonista nell’Orchestra Jazz Siciliana, in cui si è esibito a fianco, tra i tanti, di Ron CarterBilly CobhamDavid KikoskiDanilo ReaFabrizio Bosso ed Enrico Pieranunzi.

Il progetto di Giambruno è quello di enfatizzare i suoni mediterranei anche se in pieno solco hard-bop oltre ad unire il fascino della melodia del jazz italiano legato alla tradizione interpretata magnificamente dal talento del trio Rea/Rosciglione/Ariano.

Come ha dichiarato lo stesso Giambruno “Ho cercato  di creare un progetto che vada appunto oltre i mari, che vada oltre lo stesso Stretto di Messina, scegliendo accuratamente i musicisti che ne fanno parte e che ritengo i più “giusti” per interpretare i suoni e gli obiettivi di tale progetto. La scaletta ha una sorta di fil rouge molto lineare, i brani sono molto variegati tra di loro e voluto fortemente adottare un modo di scrivere molto semplice ma allo stesso tempo esaltare il talento di tutti i musicisti che mi accompagnano in questa sorta di viaggio musicale e che spero arrivi direttamente al cuore di chi verrà ai nostri concerti  ed ascolterà la nostra musica”.

Per ciò che concerne il repertorio, è improntato su alcuni brani originali scaturiti dalla rigogliosa vena compositiva di Giambruno congiuntamente a degli standard della tradizione jazzistica pensati ad hoc per questa formazione.

Il concerto inizia con un dolcissimo brano scritto da Giambruno “Gouvy” seguito da un brano di F. Waller “Jitterburg Waltz” e da un altro brano molto suggestivo composto sempre dallo stesso Giambruno come “Thinkin’ before swingin’”.

Il sassofonista siciliano, seppur molto emozionato per la gioia di poter presentare il suo progetto su un palco prestigioso come quello dell’Auditorium Salvo D’Acquisto sul quale da anni, grazie all’Associazione Napoli Jazz Club, vede alternarsi grandi nomi del jazz nazionale ed internazionale, dimostra un grandissimo talento e una grande capacità di  dialogo con tutti gli altri musicisti presenti sul palco, e un grande talento nel proporre musica originale di grande coinvolgimento come quella che ha presentato al suo pubblico.

Anche brani come “Ginza Samba” di  Vince Guaraldi, seguito da “Na voce na chitarra e o’ poco e luna di Calise riesce a darne una sua personalissima interpretazione che conquista il pubblico presente in sala.

Il concerto si conclude con” First time I Heard Jobim”  un omaggio alla musica brasiliana dalla quale da sempre lo stesso Giambruno trae ispirazione per poter scrivere la propria musica, e un’intensa e briosa interpretazione di “Speak Low” di K. Weill, una delle canzoni che Nash e Weill scrissero per il musical “One Touch of Venus”, ed interpretata praticamente da tutti i grandi della canzone americana di ogni tempo, da Sarah Vaughan a Peggy Lee, da Billie Holiday a Ella Fitzgerald.

Prossimo appuntamento  di “Vomero Suona” di Napoli Jazz Club, sempre all-Auditorium Salvo d’Acquisto, il 28 gennaio con Claudio Filippini Trio in “Oltre il trio ” con Luca Bulgarelli al contrabbasso e  Marcello  Di Leonardo alla batteria.

Biglietti già in vendita presso le prevendite abituali

Info ; 081.7611221 – 081.5568054 – 081.5564726

On line su ; www.go2.itwww.ticketone.it

Link ; https://www.ticketone.it/…/claudio-filippini-trio…/

Roberto Gatti Trio in “AMANOLIBERA” il 18 gennaio al Bourbon Street Jazz Club per Live Tones

Prosegue la stagione invernale del Live Tones al Bourbon Street Jazz Club in Via Bellini 52 Napoli.

Il 18 gennaio 2023 il Live Tones presenta “Roberto Gatti Trio in AMANOLIBERA”.

Roberto Gatti congas e percussioni

Manuel Magrini pianoforte

Mario Rodriguez batteria

⏰️ L ‘ingresso è dalle ore 20,30.

Inizio concerto ore 21.30. Posti limitati si prega di prenotare per l assegnazione del posto. La prenotazione sarà valida sino alle 21.20.

🎫Il costo del biglietto per ascolto concerto è di € 10.00 acquistabile in prevendita GO2 https://www.go2.it/evento/roberto_gatti_trio_in_amanolibera/6282#  e prevendite fisiche territoriali, ma anche la sera stessa alla biglietteria predisposta al Bourbon Street.

🔴Drink e Food alla carta

➡️INFO e PRENOTAZIONI: 3389941559/ 338 8253756

Roberto Gatti presenta in questa occasione il suo primo album “AMANOLIBERA “  

Il disco vanta collaborazioni di artisti di fama mondiale come Horacio “El Negro “ Hernandez , Paoli Mejias (Santana), Gabriele Mirabassi , Oscar Valdes , Roberto Quintero , Jhair Sala .

Roberto Gatti è un percussionista viscerale e particolarmente poliedrico, legato stilisticamente al latin jazz, all’afro-cuban jazz, alla musica caraibica e al jazz, Nel corso della sua intensa attività artistica ha stretto numerose e importanti collaborazioni con musicisti e formazioni di rilievo nazionale e mondiale, fra i quali Quincy Jones, Dee Dee Bridgewater, Patti Austin, Alfredo Rodriguez, Paolo Fresu, Noa, Harvey Mason, Nathan East,  Giovanni Hidalgo, Horacio “El Negro” Hernandez, Richard Galliano, Pedrito Martinez, Eliel Lazo, Gabriele Mirabassi, Gegè Telesforo. In oltre vent’anni di carriera, grazie alle sue qualità musicale, si è esibito in giro per l’Europa e per il mondo tra festival e jazz club  negli Stati Uniti, Inghilterra, Cuba, Spagna, Russia, Francia e non solo.   Nel 2021 ha avviato una proficua collaborazione con il musicista italo-venezuelano Mario Rodriguez Di Pietro e nel luglio del 2022 pubblica con l’etichetta Encore Music il suo primo progetto discografico  “Amanolibera”, un album il cui mood è particolarmente incentrato sul ritmo, ma da cui emerge anche una raffinata cantabilità e una certa predilezione per il senso melodico, il tutto impreziosito da una spiccata anima cubana che incontra la musica caraibica e il jazz. 

L’incontro di Roberto Gatti con Mario Rodriguez  compositore e batterista con 2 nomination ai Grammy Awards, ha prodotto il disco composto a quattro mani dove però si integrano bene le composizioni del pluripremiato pianista    umbro Manuel Magrini talento italiano.

Questo disco per Roberto Gatti è un armonico insieme di stili musicali, stimolante per chi lo ascolta, una produzione italiana unica,  che potrà aprire delle porte nel nostro Paese per un genere che fonde la tradizione del tamburo con la profondità del jazz.

SPAZIO ZTL 14 GENNAIO 2023 ORE 21.00 “AROUND BEIJING” – Simona De Rosa e Michal Ciesielski

CONCERTI SPAZIO ZTL

14 GENNAIO ORE 31.00

“AROUND BEIJING”

Simona De Rosa – Voce
Michal Ciesielski – Pianoforte

Pechino 2018. I due musicisti si incontrano in un club dove entrambi partecipavano ad una jam session. Da allora nasce una forte amicizia e una solida collaborazione che confluisce nella produzione di un disco in uscita quest’anno. Entrambi docenti jazz del prestigioso Contemporary Music Academy di Pechino, Michal e Simona hanno portato la loro musica in Cina al Tahui Jazz Festival, in Inner Mongolia, al Lincoln Center di Shanghai, Blue Note di Pechino e in tantissimi jazz club. Per la prima volta si esibiranno insieme a Napoli dove proporranno il loro repertorio originale e riarrangiamenti dei classici americani.

21:00 – 𝑨𝒄𝒄𝒐𝒈𝒍𝒊𝒆𝒏𝒛𝒂
21:45 – 𝑰𝒏𝒊𝒛𝒊𝒐 𝒄𝒐𝒏𝒄𝒆𝒓𝒕𝒐

𝐄𝐕𝐄𝐍𝐓𝐎 𝐂𝐎𝐍 𝐒𝐎𝐓𝐓𝐎𝐒𝐂𝐑𝐈𝐙𝐈𝐎𝐍𝐄
10,00 € Formula Teatro

𝐏𝐑𝐄𝐍𝐎𝐓𝐀𝐙𝐈𝐎𝐍𝐄 𝐎𝐁𝐁𝐋𝐈𝐆𝐀𝐓𝐎𝐑𝐈𝐀
ONLINE ➡️ https://www.zurzoloteatrolive.it/news/14-01-2023-around-beijing-simona-de-rosa-e-michal-ciesielski/ 
📱 +39 392 3915529
📞 081 0331974
📩 zurzoloteatrolive@gmail.com

TRIANON VIVIANI, FLO canta le “Brave ragazze” – venerdì 13 gennaio, ore 21

Fondazione

direzione artistica Marisa Laurito

Trianon Viviani, Flo canta le “Brave ragazze”

Domani, venerdì 13 gennaio, alle 21, la cantautrice propone le storie di
donne straordinarie tra Violeta Parra e Gilda Mignonette

Al Trianon Viviani, domani, venerdì 13 gennaio, alle 21, sarà di scena Flo
con “Brave ragazze”.

Con questo recital la cantautrice racconta la musica e la vita di donne
straordinarie, che, “armate” di canzoni, hanno lasciato un segno indelebile
nella cultura latina: storie di coraggio e rivoluzione che ci restituiscono
una visione contemporanea e allargata della prospettiva femminile e del
carattere latino.

Le brave ragazze – autrici o ispiratrici di questo concerto – sono donne
divise tra grandi successi e grandi solitudini, pietre miliari della nostra
musica e della nostra cultura. Come Gabriella Ferri e Violeta Parra,
entrambe simboli di passione incontenibile e mal di vivere. Come la Lupe,
l’artista cubana che incantò Hemingway, Tennessee Williams e Marlon Brando,
che, dopo l’enorme successo in America, conobbe l’oblio in sedia a rotelle e
la vita da senza tetto. Come Leda Valladares, la cantante ricercatrice del
Tucuman, che con il suo registratore raccoglieva sul campo canzoni antiche e
urla solitarie, che andavano via via scomparendo: a lei che recuperava la
memoria, l’ironia macabra della sorte la condannò a finire i suoi giorni in
una clinica per malati di Alzheimer. Come, infine, Gilda Mignonette, la più
famosa cantante napoletana d’America, la Regina degli emigranti che morì in
mare, durante la traversata da New York a Napoli, dopo aver espresso il
desiderio di morire nella propria amata città natale: sul suo certificato di
morte verranno riportate le coordinate del punto in cui si spense, da
migrante per sempre.

Continua a leggere

Carlo Aonzo e Bruno Canino – Concerto Auditorium G. Rossini – Modena – 14 gennaio 2023

CARLO AONZO E BRUNO CANINO

“Lo Splendore del Classico”

duo mandolino e pianoforte

sabato 14 gennaio 2023

Auditorium Corale Gioacchino Rossini – Modena

Sabato 14 gennaio alle ore 18:00, nell’ambito della XI edizione della rassegna “Protagonista il Mandolino” organizzata dall’Associazione Ensemble Mandolinistico Estense presso l’Auditorium Corale Gioacchino Rossini di Modena, si terrà una prima assoluta del duo formato dal mandolinista di fama internazionale Carlo Aonzo e dal prestigioso Maestro Bruno Canino, uno dei massimi cameristi e pianisti dei nostri tempi.

Il programma, appositamente costruito per questo evento, propone musiche di Ludwig van Beethoven (Sonatina in Do maggiore – Adagio ma non troppo in Mib maggiore – Sonatina in Do minore – Andante con variazioni in Re maggiore), Franz Schubert (Sonatina op. 137 n. 1 in Re maggiore – I. Allegro molto II. Andante III. Allegro vivace) e Raffaele Calace (Fantasia Poetica op. 56).

Il concerto è parte della rassegna Modenese interamente dedicata al mandolino che vede alla direzione artistica il Maestro Roberto Palumbo, l’ingresso è libero ed è prevista la prenotazione (plettro@mandolinoestense.it).

Un duo inedito, tutto da ascoltare, per il quale il Maestro Aonzo ha dichiarato: “Ho avviato recentemente una importante collaborazione con il prestigioso pianista Bruno Canino, una leggenda vivente. Il maestro nella sua lunga carriera ha accompagnato i più grandi violinisti della storia della musica e questa è la sua prima vera collaborazione con un mandolinista. Sono orgoglioso di rappresentare per lui questa nuova esperienza.”

Continua a leggere

Joyce Yuille ritorna al Winehouse

A grande richiesta, ritornano il 19 gennaio Joyce Yuille & Elio Coppola al Winehouse!
Direttamente da New York, l’entertainer Joyce Yuille in 4etDopo aver affascinato il pubblico con la sua eleganza e il suo stile coinvolgente, Joyce Yuille ritorna a grande richiesta sul palco del Winehouse per una seconda imperdibile data! Il 19 gennaio, la cantante di New York si esibirà con Elio Coppola, batterista napoletano, conosciuto e affermato nel panorama nazionale e internazionale della musica jazz e non solo. L’energia e la passionalità di Joyce ti aspettano per una serata tinta di jazz, soul e blues.
 ­Prenota il tuo tavolo!­
Winehouse Jazz Club & Restaurant
Via Nuova Marina 5, 80133, Napoli

Musica Nuda il nuovo singolo “Guardami” in occasione dei 20 anni. A marzo nuovo album + tour

Musica Nuda compie 20 anni

Guardami

Il nuovo singolo in uscita martedì 10 gennaio

a marzo il nuovo album e tour

Esce martedì 10 gennaio “Guardami”, il nuovo singolo del duo Musica Nuda, composto da Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, in occasione del ventennale della loro unione artistica.

Il brano, composto da Spinetti e Frankie hi-nrg mc, con i testi di Luigi Salerno, anticipa l’uscita di un nuovo album che vedrà la luce a marzo per l’etichetta 6T3, insieme a un tour in programmazione che toccherà tutte le principali città italiane.

Il 10 gennaio del 2003, al Tam Club di Grottazzolina, in provincia di Fermo, si esibirono per la prima volta Petra e Ferruccio. Vent’anni dopo, lo stesso giorno, salgono sul palco del Teatro delle Api di Porto Sant’Elpidio per festeggiare la loro lunga amicizia e un sodalizio artistico che li ha resi celebri in Italia e all’estero.

Ufficio Stampa

Gaito Ufficio Stampa e Promozione

Guido Gaito

info@gaito.it

PREMIO D’APONTE PER CANTAUTRICI: ON LINE IL BANDO DI CONCORSO

PREMIO D’APONTE PER CANTAUTRICI: ON LINE IL BANDO DI CONCORSO

LE FINALI IL 27 E 28 OTTOBRE 2023 AD AVERSA

La premiazione di Moà  nel 2022 - foto di Giorgio Bulgarelli

Sono aperte le iscrizioni per la 19a edizione del “Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa”, il contest che intende promuovere le nuove cantautrici italiane dando loro la possibilità di esprimere la propria creatività, creando anche momenti di incontro, di approfondimento e di confronto con importanti artisti e addetti ai lavori. Non ci sono preclusioni di genere musicale.

La scheda di iscrizione e il nuovo bando di concorso sono disponibili su www.premiobiancadaponte.it . La partecipazione è come sempre gratuita, la scadenza è fissata al 24 aprile 2023.

Le finaliste del Premio, che si avvale della direzione artistica di Ferruccio Spinetti, saranno come sempre selezionate da un ampio e prestigioso Comitato di garanzia, composto da cantanti, autori, operatori del settore e giornalisti musicali.

Molti dei componenti del Comitato faranno parte anche delle due giurie, quella generale e quella della critica, che assegneranno i premi nelle serate finali.

Continua a leggere

TRIANON VIVIANI, i concerti di FLO, FINARDI e CONVERSO – dal 13 al 15 gennaio

fondazione

direzione artistica Marisa Laurito

Trianon Viviani, i concerti di Flo, Finardi e Converso

I tre appuntamenti del week end, dal 13 al 15 gennaio

Nel week end della settimana, i recital dei cantautori Flo e Eugenio
Finardi e il concerto desimoniano di Raffaello Converso sono gli
appuntamenti proposti dal Trianon Viviani, nel cartellone firmato da Marisa
Laurito.

Flo in “Brave ragazze” – venerdì 13 gennaio, ore 21

Con “Brave ragazze” la cantautrice Flo racconta la musica e la vita di
donne straordinarie, che, “armate” di canzoni, hanno lasciato un segno
indelebile nella cultura latina: storie di coraggio e rivoluzione che ci
restituiscono una visione contemporanea e allargata della prospettiva
femminile e del carattere latino.

Le brave ragazze – autrici o ispiratrici di questo recital – sono donne
divise tra grandi successi e grandi solitudini, pietre miliari della nostra
musica e della nostra cultura. Come Gabriella Ferri e Violeta Parra,
entrambe simboli di passione incontenibile e mal di vivere. Come la Lupe,
l’artista cubana che incantò Hemingway, Tennessee Williams e Marlon Brando,
che, dopo l’enorme successo in America, conobbe l’oblio in sedia a rotelle e
la vita da senza tetto. Come Leda Valladares, la cantante ricercatrice del
Tucuman, che con il suo registratore raccoglieva sul campo canzoni antiche e
urla solitarie, che andavano via via scomparendo: a lei che recuperava la
memoria, l’ironia macabra della sorte la condannò a finire i suoi giorni in
una clinica per malati di Alzheimer. Come, infine, Gilda Mignonette, la più
famosa cantante napoletana d’America, la Regina degli emigranti che morì in
mare, durante la traversata da New York a Napoli, dopo aver espresso il
desiderio di morire nella propria amata città natale: sul suo certificato di
morte verranno riportate le coordinate del punto in cui si spense, da
migrante per sempre.

Continua a leggere

« Vecchi articoli Recent Entries »