Recensione: Alla V Edizione di Pignatelli in Jazz Daniele di Bonaventura

Di Clementina Abbamondi

Dal 5 marzo 2023 ha preso il via nella Villa Pignatelli la V Edizione della Rassegna “Pignatelli in jazz” con la Direzione artistica di Emilia Zamuner.

Dopo l’esibizione di alcuni allievi di canto di Emilia Zamuner del Conservatorio di Salerno, è iniziato il concerto di Daniele di Bonaventura. Il bandoneonista, nato a Fermo nelle Marche, è un compositore, arrangiatore, pianista che ha coltivato sin dall’inizio della sua attività un forte interesse per la musica improvvisata. Le sue collaborazioni spaziano dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango. Proprio per questi motivi Daniele di Bonaventura parlando con il numeroso pubblico presente nella Villa Pignatelli dice: Vedo che non avete ricevuto il programma, il motivo è che cambio sempre la scaletta prima dell’inizio del concerto, stamattina ascolterete principalmente dei brani originali anche perché amo comporre”.

Si susseguono durante il concerto i brani “Con me”, “Un valzer alla Pedona”, dedicato ad un paesino marchigiano,” Reminiscenze”, e ancora due brani scritti durante la pandemia “Preludio d’inverno” e “Aria”. Bellissimi i brani “Le mie colline” dedicato alle colline marchigiane e “Il mio tango “

Daniele di Bonaventura ha poi composto un brano dedicato a Napoli, una tarantella “Tarantella d’autunno”

La musica del bandoneonista è una mescolanza di tristezza e gioia. La melodia che questo straordinario compositore e musicista riesce a trarre dal suo strumento è dolcissima ed al contempo triste e giocosa e frutto della continua improvvisazione. Il suono del suo bandoneon riesce ad incantare e commuovere il pubblico che lo ascolta.

Bravissimi i musicisti che compongono la “Chamber Orchestra Rotary Youth” diretti mirabilmente dal Maestro Nicola Colafelice.

Il giovane Direttore d’Orchestra Nicola Colafelice ha trascorso tutta la sua vita immerso nella musica in quanto i genitori insegnano entrambi al Conservatorio di Bari. Fin dall’età di 8 anni Nicola ha suonato e cantato insieme ai genitori e ha iniziato a studiare il violoncello, in seguito ha suonato nell’Orchestra Giovanile del Conservatorio di Bari come violoncellista principale.

 Ha inoltre studiato percussioni e si è laureato in canto lirico.

Dopo diversi anni come Maestro di palcoscenico presso l’Ente Lirico Fondazione Teatro Petruzzelli di Bari si è dedicato alla Direzione d’Orchestra. In una intervista il Maestro Nicola Colafelice ha dichiarato “La Direzione d’Orchestra è la ricerca costante e appassionata alla quale ho destinato la mia vita ed il mio cuore”.

A conclusione del concerto Daniele di Bonaventura ha coinvolto la Direttrice artistica di “Pignatelli in jazz” Emilia Zamuner che ha cantato un bellissimo brano di Charles Aznavour “She”. Questo brano è stato magistralmente interpretato da Emilia con la sua splendida voce, limpida e potente che ancora una volta è riuscita a commuovere e coinvolgere il pubblico che la segue da sempre con grande affetto.

Domenica 26 marzo sarà proprio Emilia Zamuner ad esibirsi a conclusione di questo splendido “Festival Jazz” accompagnata dal contrabbassista Massimo Moriconi, dal trombettista Flavio Boltro e dal quartetto d’archi “Sea Quartet” che presenteranno “Sanremo è….”, ultimo lavoro dedicato alle canzoni vincitrici dei vari Festival di Sanremo arrangiate per l’occasione da Vittorio Pasquale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.