Recensione: Andrea Pennacchi ospite di Assisi Onlive

Recensione e foto di: Massimo Radicchi (www.massimoradicchi.it)

Le luci sul pubblico si spengono. Entrano due musicisti, poi entra lui. Andrea Pennacchi.

Applausi. Saluta e poi subito dice:” chi di voi si ricorda del tanko?” … Silenzio. Qualcuno ha capito tango…e lui:” non il tango…il tanko!”

E da lì si parte.

Da quando appunto (8 maggio 1997) uno sparuto gruppo di indipendentisti veneti della “Veneta Serenissima Armata” partirono da Padova con un camper e un camion con a bordo un” tanko” (un carro armato residuato bellico) facendo rotta su Piazza San Marco per issare la bandiera con il leone alato simbolo della Repubblica di Venezia…

Accompagnato dalle musiche di Giorgio Gobbo e Gianluca Segato Andrea Pennacchi si trasforma nel pojana e ne ha per tutti.

Soprattutto per i politici, per Salvini e il suo mojito e la lega “traditrice”. Liga Veneta poi Lega Nord… (pur con quei caga-alto dei lombardi, gli ipocriti piemontesi, i teroni degli emiliani e dei friulani no che né parlemo gnanca.).

E poi ci sono anche Edo la security, Tonon il derattizzatore, Alvise il nero e altri personaggi che raccontano le storie del nordest.

Si ride. Si ride davvero. Fatico a tenere la macchina fotografica in mano.

L’ho seguito tutti i venerdì su Propaganda Live ma vedere quel suo ghigno dal vivo a pochi metri di distanza è stato sicuramente diverso.

Smetto di fare foto, mi siedo in fondo e mi godo lo spettacolo.

E pensare che Pennacchi avrebbe voluto fare il pilota aeronautico…che spreco sarebbe stato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.