Recensione: Rosso Storie di Tango con l’OFB e la Compagnia Balletto di Benevento

di Annamaria De Crescenzo
foto di SpectraFoto (www.spectrafoto.com)

Non poteva esserci conclusione migliore per la parte estiva della stagione concertistica dell’Orchestra Filarmonica di Benevento quella di lunedì 27 luglio al Teatro Romano di Benevento in una serata assolutamente magica, uno spettacolo unico di simbiosi perfetta tra musica/danza/teatro che ha visto protagonisti non solo un ensemble dell’Orchestra ma anche due compagnie di ballo, la Compagnia Balletto di Benevento e la Compagnia Infinitango.

In uno scenario incredibile, il Teatro Romano, che già da solo coniuga arte, storia e bellezza all’ennesima potenza, un palco, sul quale capeggiava un’enorme tela realizzata da Rosanna De Cicco ed Edoardo Rossi  sui temi della danza,  sontuosamente arredato con tavolini e sedie per ricreare l’atmosfera della milonga, la sala di ballo dove i ballerini argentini di tango erano soliti incontrarsi per dare vita a bellissime serate, e al centro una sorta di “tappeto” rosso enorme che è stato protagonista del primo ballo della serata e che si è trasformato da “stoffa” ad abito suntuoso ed elegantissimo, indossato in scena tra un movimento di danza e un altro da una ballerina della Compagnia e che ha confermato che ci si stava ritrovando di fronte ad uno spettacolo che sarebbe stato a dir poco emozionante e coinvolgente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Compagnia “Balletto di Benevento” nasce nel 2012 per iniziativa della sua fondatrice, direttrice e coreografa Carmen Castiello è stata da anni ideatrice di spettacoli di grandissimo successo e di grande emozione e consenso da parte del pubblico. Come alla fine ha testimoniato la stessa Direttrice, salita sul palco per ringraziare tutti i protagonisti della serata , lo spettacolo è stato fortemente voluto non solo dalle due compagnie di danze coinvolte e dalla stessa Orchestra che ha eseguito brani di tango di assoluta bellezza musicale, ma anche dagli stessi attori Pierpaolo Palma e Giorgia De  Conno della Compagnia Teatrale Red Roger, dalla musica di Ettore Patrevita sassofonista solista e dalla danza di Sara Scudieri, da Linda Ocone e Peppe Barile che hanno arricchito lo spettacolo  leggendo testi di grande coinvolgimento e bellezza.

Lo spettacolo è un inno alla vita, all’amore in tutte le sue sfaccettature e volti, e le coreografie ideate da Giselle Marucci e la stessa Carmen Castiello hanno mirabilmente raccontato l’ Amore, quello domestico, tra marito e moglie, tra persone, tra due donne, tra due uomini, avendo il coraggio di raccontare anche l’amore che può sfociare in violenza domestica, o quello che può sfociare nel bullismo e nelle vittime in generale della violenza che è sempre da condannare in qualunque forma si presenti.

I brani eseguiti dall’Orchestra sono stati scelti quasi tutti dalla meravigliosa creatività musicale di Astor Piazzolla iniziando con il brano “Milonga de Angel”, poi “novitango”, “woe”, “Escualo”, “Ave Maria” , “Adios nonino”, l’immancabile e struggente “Oblivion” ballata in contemporanea anche dalla Compagnia di Tango che ha  ballato ai piedi del palco stesso su una pista da ballo creata appositamente per tale occasione, oltre che il brano di Villoldo “El choclo” e una dolcissima interpretazione di “Por una cabeza” famosissimo brano di Carlos Gardel, indimenticabile colonna sonora del film “Scent of a woman “ con Al Pacino.

Il talento dei ballerini sia quelli di danza che di tango, insieme alla bravura dei musicisti ha emozionato il pubblico infinitamente che ha seguito ogni brano presentato in un totale silenzio e attenzione massima alla magia alla quale stava assistendo dall’inizio della serata, che si e’ conclusa con un’altra bellissima interpretazione di una trascinante “Libertango” sempre di Astor Piazzolla, anticipata da un omaggio che è stato dedicato al talento di Ennio Morricone con il brano “Nuovo Cinema Paradiso”

 

Insomma una serata dalle forti emozioni, abiti di scena bellissimi, coreografie e musiche straordinarie interpretate da ballerini e musicisti bravissimi, oltre che testi di grande impatto emotivo che hanno “raccontato” le emozioni del palco anche in parole e ci auguriamo, cosi come sottolineato anche dalle parole della stessa Direttrice Carmen Castiello, che grazie alla volontà del Direttore del Teatro Ferdinando Creta, ci siano sempre più; occasioni di poter vivere serate di grande bellezza artistica e musicale in questo luogo che è già di per se’ uno straordinario esempio di bellezza e di arte come il Teatro Romano di Benevento.

 

Credits: si ringrazia  l’Associazione “I Filarmonici di Benevento” e  in particolare Emilio Mottola Ufficio Stampa   per gli accrediti e per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.