Serena Autieri in “Diana & Ladi D. al Teatro Augusteo: conferenza stampa

serenaUno spettacolo che mi sta molto a cuore, un lavoro intenso, sul quale lavoriamo da due anni, di grande precisione e attenzione e tutto questo grazie alla sensibilità di Vincenzo Incenzo che ha messo su una grande squadra artistica e tecnica di grandissimo valore con la quale è riuscito a creare un capolavoro teatrale e musicale di grande emozione”.

Con queste parole, Serena Autieri, dopo aver ringraziato la famiglia Caccavale del Teatro Augusteo presente alla conferenza per lo splendido lavoro che sta facendo grazie all’ottima programmazione teatrale che ogni anno presenta degli spettacoli che poi si rivelano dei grandissimi successi di pubblico e di critica, e aver riconosciuto in questo Teatro come la sua seconda casa, dopo il Sistina, avendola ospitata già 13 anni fa con “Vacanze Romane” ha salutato tutto il numerosissimo gruppo di giornalisti, redattori e fotografi intervenuti nel salone del Teatro stesso stamattina giovedì 2 marzo.

Elegantissima con un vestito azzurro che ha messo in risalto non solo i suoi splendidi occhi ma anche il suo portamento regale, ha mostrato dalle primissime battute una disponibilità e anche un’umiltà nel porsi di fronte a questo doppio ruolo che dovrà interpretare, di queste due anime Ladi D. e Diana, ma che lei, ne siamo sicuri, riuscirà a fare in un modo assolutamente perfetto. D’altronde il grandissimo successo già registrato a Roma al Teatro Sistina ne è già una prova inconfutabile, e lo stesso regista Vincenzo Incenzo lo conferma con le sue parole di assoluta adorazione nei confronti della Autieri alla quale riconosce di essere una delle poche Artiste, non solo in Italia, ma forse al mondo, capaci di poter interpretare un ruolo così complesso, che la impegnerà sia nel canto, nel ballo e nella recitazione in una sorta di “one woman show” essendo l’unica protagonista in scena, oltre che affrontare una bella prova fisica in quanto la scenografia è stata ideata con uno sviluppo “in verticale” anziché in orizzontale e quindi la protagonista dovrà salire e scendere scale, cambiarsi in pochi minuti, passare da uno stato d’animo all’altro, cantare e recitare insieme. La storia è, nel ventesimo anniversario della sua morte avvenuta il 31 agosto 1997, il rappresentare le due anime di questa sfortuna Principessa, che da un lato si presentava come un’icona planetaria, nel paradiso del gossip e della celebrità, dall’altro la donna alla disperata ricerca d’amore, moglie e amante poi mancata, che in qualche modo cerca di recuperare una sua dignità, una sua femminilità e un suo equilibrio attraverso anche il volontariato e con l’impegno in alcune battaglie civili e sociali, ma purtroppo anche negli psicofarmaci o in un rapporto sbagliato con i suoi figli. Lo spettacolo è un alternarsi negli stati d’animo fra questi “due modo di essere donna” della Principessa, ed è dedicato non solo a lei ma proprio alla figura della Donna, che in questo preciso momento storico nel quale sembra che siamo tornati ai tempi del Medioevo nel quale la Donna sta soffrendo a causa di violenze fisiche e psicologiche inaccettabili, è necessario parlare del mondo delle DONNE, e questo spettacolo è per loro , per tutte quelle donne che ancora oggi subiscono e che sono costrette a lottare per la propria identità e la propria libertà, come tante volte è successo anche alla stessa Diana. Parole confermate anche dal produttore Enrico che ha confermato la creazione di questo gruppo efficace che già da tempo lavora insieme, sin dai tempi della “Sciantosa”, e che si impegna a curare ogni particolare per fare di un’idea, un lavoro perfetto di grande successo, sottolineando l’importanza per la produzione di trovare nei Teatri come l’Augusteo la massima collaborazione per il sostegno, la realizzazione e la promozione del testo proposto come nel caso di questo ultimo spettacolo.

Per tutta la conferenza stampa, Serena Autieri si è mostrata disponibilissima a rispondere alle tantissime domande sia sulle sue emozioni nell’interpretare un personaggio così particolare, ma anche sulla sua carriera precedente a tale ruolo. Si è soffermata ad esempio sulle differenze tra la Principessa Diana e la Principessa che lei interpretò in “Vacanze Romane”, entrambe desiderose di libertà ma a differenza di quest’ultima Diana ha sempre vissuto la sua vita in una sorta di “gabbia” imprigionata in un ruolo che spesso le ha causato tanto dolore, di come avesse vissuto la sua parte di vita sotto i riflettori dopo il divorzio alternandosi in una sorta di vita glamour tra sfilate e varie occasioni mondane, e di come sono stati rappresentati vari momenti importanti della sua vita come ad esempio la maternità , non come avrebbe desiderato una qualsiasi donna del mondo, ma in una sorta di continuo dolore a causa di questo rapporto conflittuale e sofferente con Carlo, o come attrice si è impegnata per interpretare la forza e le debolezze di questa donna così speciale, e di come tale spettacolo sia riuscito a cambiarla anche come persona.

Durante lo spettacolo non mancherà la parte musicale in quanto Serena Autieri canterà anche delle splendide versioni di brani che hanno accompagnato la vita della Principessa come “Candle in the wind” o “Somewhere” o “When fall in love “in italiano, insieme a canzoni inedite scritte dallo stesso Vincenzo Incenzo e Francesco Arpino scritte per Serena per un album e che si sono rivelate perfette per il testo dello spettacolo.

Il tutto accompagnato dal talento di Gianni Quaranta (scenografia), A.J. Weissbard (lighting designer), Bill Goodson (coreografie), Silvia Frattolillo (costumista), Maurizio Metalli (direttore musicale), Engage (produzione) Fioretta Mari (acting coach).

Lo spettacolo sarà in scena dal 3 marzo al 12 marzo.

Info: sito Teatro Augusteo

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.