Recensione: ITALIAN JAZZ 4 PEACE -giornata di musica per la pace

Di Annamaria De Crescenzo
Foto di SpectraFoto (http://www.spectrafoto.com)

Una grande iniziativa, Domenica 13 marzo, ideata dall’Associazione Nazionale MIDJ (Musicisti Italiani di Jazz) in collaborazione con con UNHCR Italia (Agenzia ONU per i Rifugiati) finalizzata ad un’azione di supporto umanitario visti i drammatici eventi che si stanno svolgendo in Ucraina grazie ad una giornata di musica jazz  realizzata grazie alla collaborazione di tantissimi musicisti che hanno voluto esibirsi in12 jazz club  italiani per testimoniare l’importanza di esserci, in tutte le forme di solidarietà e di cultura possibili, per dire NO ad una Guerra che, ad oggi, è ancora una realtà inaccettabile.

Grazie a tale iniziativa, il mondo jazzistico italiano ha dimostrato, ancora una volta, di essere unito e disponibile ad essere solidale con coloro  che soffrono e che hanno bisogno di solidarietà e di presenza.

L’iniziativa è stata realizzata in pochissimi giorni e sia il Direttivo Nazionale che I coordinamenti regionali del MIDJ e I musicisti che hanno partecipato, si è riusciti ad unire le forze con enorme entusiasmo e con tantissima volontà, dando vita ad una giornata indimenticabile in tutta Italia.

Grazie alla disponibilità dei jazz club che partecipano a tale Associazione, il jazz ha viaggiato da nord a sud dando vita a concerti e jam session di altissimo livello in tutta la nostra amatissima Penisola.

In Campania grazie al Pecoranera Art Jazz Bistrot, in collaborazione con l’Associazione Live Tones Napoli Party, si sono dati appuntamento, proprio nel locale di Pignataro Maggiore di Aldo Fucile e gestito con grande professionalità da Ivana Iovino e Ingrid Liberatore, tanti musicisti campani che hanno dato vita ad un’appassionata quanto interessantissima jam session che ha visto in sala un pubblico numeroso e assolutamente conquistato dai brani eseguiti durante l’intera serata, in un’atmosfera davvero speciale fatta di amicizia, incontri tra esperienze artistiche diverse, ma anche tanta disponibilità alla solidarietà.

D’altronde l’obiettivo dell’iniziativa era stato già espresso nel comunicato stampa “Desideriamo raccogliere fondi (https://dona.unhcr.it/campagna/emergenza-ucraina-midj/) per aiutare tutte le popolazioni colpite dal conflitto russo-ucraino facendo la cosa che meglio sappiamo fare: SUONARE!

La musica unisce popoli, culture, persone: il jazz da sempre è incontro e scambio, estemporanea espressione artistica che riflette la realtà del momento.” E tale obiettivo è stato ampiamente raggiunto, grazie all’impegno dei tantissimi musicisti intervenuti nella serata come Ivana Muscoso, Mario Mazzaro, Salvatore Rainone, Giuseppe D’Alessandro, Gino Izzo, Aldo Fucile, Gianfranco Coppola, Pasquale Marino , Simone Clarelli che si sono alternati sul palco del Pecoranera con grandissimo entusiasmo, con brani standard jazz e con composizioni originali, applauditissimi dal numeroso pubblico presente in sala, in un’atmosfera di grandissimo desiderio di esserci attraverso la propria musica e il proprio talento artistico.

Tali iniziative dovrebbero realizzarsi molto più spesso e trovare cosi nuove sinergie per realizzare esperienze artistiche e personali di grande intensità ed emozione.

La raccolta fondi è ancora aperta . Chi non l’avesse ancora fatto può donare al seguente link (https://dona.unhcr.it/campagna/emergenza-ucraina-midj/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.