Tǔk Music Presenta : SADE MANGIARACINA – LE MIE DONNE

 Le Mie Donne è il nuovo album della pianista e compositrice Sade Mangiaracina.

L’album, in uscita l’11 maggio, segna l’esordio della musicista siciliana per la Tǔk Music di Paolo Fresu se escludiamo il cameo nelle registrazioni di aQustico, l’album di Luca Aquino del 2013.

Le Mie Donne è -ça va sans dire- un tributo alla donna, attraverso una galleria di ritratti di figure femminili che con il loro coraggio e la loro forza si sono affermate andando contro discriminazioni, pregiudizi e il sentire comune: da Rosa Parks ad Amelia Hearheart, da Coco Chanel ad Anna Frank, passando per Malala Yousafzai, Rita Atria, Frida Kahlo e il premio Nobel Aung San Suu Kyi.

Sade ha composto ed arrangiato tutti i brani, che mettono in evidenza la sua anima mediterranea inserita nel contesto della musica improvvisata ed è accompagnata da Marco Bardoscia al contrabbasso e Gianluca Brugnano alla batteria.

Al disco partecipano come ospiti il sassofonista Greg Osby, autore anche delle note di copertina (Greg aveva prodotto per la sua etichetta Inner Circle il precedente lavoro di Sade intitolato La Terra dei Ciclopi) e il musicista tunisino Ziad Trabelsi all’oud e alla voce nel brano dedicato a Malala.

La copertina è opera del fotografo spagnolo Daniel Ochoa De Olza della nota agenzia Associated Press e vincitore di diversi premi come il World Press Photo, il National Press Photographers Association e il China International Press Photo Contest, per citare i più noti.

LABEL: www.tukmusic.com

ARTIST: www.facebook.com/sade.mangiaracina

COVER: www.danielochoadeolza.com

DISTRIBUZIONE: www.ducalemusic.it

biografia

Nasce a Castelvetrano, a sette anni inizia lo studio del pianoforte classico che proseguo fino ai 18, vincendo nel corso di questi anni diversi concorsi nazionali e internazionali, e a 16 anni arriva un riconoscimento da parte dell’UNESCO dopo un concerto ad Atene. Dopo la maturità classica si trasferisce a Roma per studiare jazz presso la scuola Percentomusica diretta da Massimo Moriconi dove si è diplomata nel 2007 con il massimo dei voti, proseguendo successivamente gli studi jazz al conservatorio di Santa Cecilia con il maestro Danilo Rea.
In questi anni ha preso parte a molti progetti musicali, incidendo diversi dischi anche a suo nome,nel 2013 inizia a lavorare con Simona Molinari, che le permette di girare il mondo nei teatri e jazz club più importanti, dal Blue Note di New York al Teatro Estrada di Mosca, dal Brown Sugar a Shanghai all’Olimpique di Honk Kong, Parigi, la rassegna di Bulgari a Tokio, il festival del cinema a Cannes.
Sempre con la cantautrice jazz si esibisce nei teatri italiani e nelle rassegne d’autore come il Premio Tenco, l’Umbria Jazz, il Premio Lunezia, Musicultura festival. Viene ospitata da Dionne Warwick per le aperture del suo tour italiano suonando in teatri come il “Sistina” di Roma. Nel corso di questi anni oltre la collaborazione con la cantautrice toscana Amara che la porta a suonare sul prestigioso palco del Teatro Ariston proprio per il Festival di Sanremo ha collaborato con diversi jazzisti di fama mondiale come Greg Osby, Fabrizio Bosso, Giovanni Tommaso, Massimo Moriconi, Luca Aquino, K.J.Denhert, Francesco Bearzatti.
Ultimamente collabora con la Med Free Orkestra, lavora con la cantante algherese Franca Masu e con un progetto dal nome Al’mar Orchestra, un’orchestra di sole donne provenienti da tutto il Mediterraneo (Egitto, Tunisia, Siria, Kenya, Italia, Giordania)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.