FRANCESCO FIORENZANI SILENT WATER

au9072

Il chitarrista e compositore Francesco Fiorenzani pubblicherà il suo album d’esordio Silent Water il 12 gennaio per l’etichetta Auand (distribuzione Goodfellas). Fiorenzani è alla guida di un quintetto composto da Achille Succi (sax alto/clarinetto basso), Luca Sguera (pianoforte), Francesco Ponticelli (contrabbasso) e Bernardo Guerra (batteria).

La scelta dei membri del gruppo è stata motivata dalla loro esperienza e dalle affinità musicali riscontrate con Fiorenzani. Achille Succi vanta una lunga carriera di collaborazioni e lavori brillanti, ma è stata la sua ‘voce’ ineguagliabile a rendersi una costante fonte di ispirazione indispensabile per la trama imbastita da Fiorenzani. L’incontro con Luca Sguera è avvenuto da studenti all’interno della Siena Jazz University. E’ un giovane pianista molto promettente, dotato di una sensibilità rara per i timbri e i respiri nella musica che l’hanno reso sapiente nel dialogo con la chitarra. Francesco Ponticelli al contrabbasso, rappresenta per Fiorenzani l’ideale di bassista: background musicale aperto a 360 gradi ed estremamente dotato di solidità strumentale ma soprattutto di immaginazione. Infine Bernardo Guerra alla batteria, anche lui giovane ma ormai lanciato nel panorama jazz italiano, un musicista di sostanza che sempre mette le proprie idee al servizio della musica.
Il progetto nasce nel 2016 e la vittoria del concorso per giovani compositori sponsorizzato dall’U.N.C.L.A. e dal Ministero della Cultura Italiana, ha contribuito alla sua uscita discografica.

Il repertorio è composto esclusivamente da brani originali composti da Fiorenzani, dove emergono le influenze che hanno segnato la sua personalità nell’iniziare questo percorso. Il jazz è certamente il linguaggio a cui le composizioni fanno riferimento, soprattutto nell’intenzione ritmica e nello sviluppo formale del repertorio.
Sono inoltre chiare le influenze  provenienti della scena newyorkese dagli anni ’90 ad oggi, dove l’ispirazione arriva dai lavori di artisti come Kurt Rosenwinkel, David Binney e Ambrose Akinmusire.
Il risultato è una musica che trova un’equilibrata sintesi tra melodie orecchiabili ma raffinate e una costruzione sapiente di armonie ad esse legate simmetricamente.

  www.facebook.com/francesco.fiorenzani

Auand.com

 Biografia

Nato a Siena il 24/12/1989 inizia lo studio della chitarra all’eta di 18 anni presso la scuola Diapason di Siena con il maestro Paolo Loppi. In questo periodo ha modo di conoscere e approfondire alcuni stili, su tutti il Blues ed il Rock.

Nel 2010, sempre con il maestro Loppi, ottiene con successo il diploma presso la “Modern Guitar Academy” con la valutazione di 30/30 e lode.

Conclude la sua prima esperienza nel mondo del rock seguendo alcune master class tenute da Robben Ford, Scott Henderson, Guthrie Govan. Sempre nello stesso anno si iscrive al “ Siena Jazz” iniziando questo percorso dapprima con il maestro Giulio Stracciati ed in seguito con Roberto Nannetti.

Qua ha modo di studiare ed approfondire la conoscenza non solo dello strumento ma della musica in generale, seguendo corsi di teoria, armonia, ear training, pianoforte, arrangiamento e composizione. Grazie all’incontro con il maestro Nannetti ha anche approfondito lo studio della chitarra classica.

Durante questi anni inizia a suonare dal vivo con formazioni che variano dal trio al quintetto, con alcuni dei maestri incontrati nella struttura di Siena Jazz come Franco Fabbrini, Mirco Mariottini e Alessandro Giachero.

Nel 2012/2013 si iscrive al corso di laurea di chitarra jazz di Siena Jazz dove conosce quello che sarà il suo maestro per i successivi tre anni, Roberto Cecchetto, il riferimento italiano per la chitarra jazz.

Durante il primo anno viene selezionato per partecipare ad uno scambio con il “Conservatoire National Supèrieur de Musique et de Danse de Paris”, dove segue corsi di musica d’insieme con i docenti Riccardo Del Fra e Glenn Ferris, concludendo questa esperienza con un concerto all’ “Istituto Italiano di Cultura” che vede la partecipazione del maestro Achille Succi.

Nel frattempo inizia a lavorare stabilmente in varie formazioni esibendosi in numerosi club in Toscana tra i quali UNTUBO a Siena, NOF e Citè a Firenze, Sottobosco a Pisa, Isola del giglio per un festival organizzato da Flavio Boltro, JazzIt Fest a Collescipoli, e molti altri.

Nell’estate del 2013 e del 2015 partecipa ai prestigiosi seminari estivi di Siena Jazz dove ha modo di studiare e suonare con alcuni dei musicisti più importanti a livello internazionale, tra i quali Lionel Loueke, Steve Cardenas, Ambrose Akinmusire, Avishai Cohen, Aaron Goldberg, Ruben Rogers, Nir Felder, Mark Turner, Eric Harland, John Taylor, Matt Penman, David Binney, Franco D’Andrea, Claudio Fasoli, Miguel Zenon, Ettore Fioravanti, Roberto Gatto, Micheal Blake, Joel Frahm, Tomaso Lama, Mauro Negri, Stefano Battaglia.

Viene selezionato per far parte della Siena Jazz Orchestra diretta dal maestro Roberto Spadoni che si esibisce nello stesso anno per il concerto di apertura dei seminari estivi di Siena jazz in piazza Duomo a Siena.

Inizia a seguire, parallelamente al corso di laurea, lezioni private di pianoforte con il maestro Alessandro Giachero.

Nel semestre Febbraio-Luglio 2015 partecipa al progetto Erasmus vincendo una borsa di studio per seguire i corsi presso l’Istituto Codarts di Rotterdam.

Oltre a studiare chitarra con i maestri Ed Vheroeff e Reineer Baas, gli viene chiesto subito di esibirsi per il JazzDag International durante un meeting di scuole europee diretto dal sassofonista Ben Van Den Dungen e con il batterista Mark Schilders, il contrabbassista inglese Loz Garratt e la cantante Camilla Battaglia.

Nell’inverno seguente continua ad esibirsi con artisti italiani e non come David Binney, Simone Graziano, Andrea Lombardini, Phil Mer, Andrea Grillini, Silvia Bolognesi, Alfonso Santimone, Maurizio Giammarco, Bernardo Guerra, Paolo Porta, Camilla Battaglia, in varie località italiane tra cui ParmaJazz Frontiere, il Torrione di Ferrara, Lume a Milano, Trento, Bologna e molte altre.

Nell’aprile dello stesso anno consegue il diploma di primo livello (laurea triennale) in chitarra jazz con la valutazione di 110/110 e lode, con una tesi sul duo chitarra / pianoforte dalla musica classica al jazz, accompagnato al piano da Francesco Orio e seguito dai maestri Roberto Cecchetto e Stefano Battaglia.

Oltre ad esibirsi stabilmente con il suo quintetto, collabora spesso con la cantante Camilla Battaglia, considerata una delle voci più interessanti del jazz contemporaneo, e che partecipa alla registrazione cantando in un brano (traccia n. 6).

Entra a far parte inoltre dei BlueRing Improvisers, un collettivo di musica improvvisata con il quale si esibisce regolarmente e della relativa orchestra, diretta da Tobia Bondesan, reduce dalla sessione in studio del primo lavoro che uscirà nel 2018.

Nell’arco degli ultimi due anni accumula esperienze anche nell’insegnamento, dapprima tenendo lezioni private sia di chitarra che di armonia e teoria, e poi collaborando con il Liceo Musicale Enea Silvio Piccolomini di Siena, dove, assieme al presidente del Siena Jazz Franco Caroni, tiene alcune lezioni sull’arte dell’improvvisazione.

A Settembre 2016 viene insignito di una borsa di studio per giovani compositori, istituita dall’U.N.C.L.A (Unione Nazionale Compositori e Librettisti) che gli permetterà di registrare il suo primo disco.

Ad Aprile 2017 viene invitato per una residenza artistica di una settimana presso la località di Bisceglie (BT), organizzata dall’importante etichetta discografica “Auand”, assieme a molti musicisti di spessore del jazz italiano tra i quali Giancarlo Tossani, Gaetano Partipilo, Alfonso Santimone, Piero Bittolo Bon, Francesco Diodati, Simone Graziano, Enrico Morello, Stefano Risso, Marcello Giannini, Mirko Signorile, Camilla Battaglia, Filippo Vignato, Francesco Ponticelli, Matteo Bortone.

Da Gennaio 2017 inizia a lavorare in quartetto con Francesco Orio al pianoforte, già vincitore del premio “Gaslini” e del premio “Bettinardi”, Andrea Grossi al contrabbasso ed Andrea Beninati alla batteria, al fine di registrare un disco commissionato dall’etichetta NAU Records.

 

Questo articolo è stato pubblicato in CD da Mario . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.