The Naples Rock & Roll Revue: un grande successo al Teatro Posillipo

Quattro serate, tutte di grandissimo successo, per la prima Edizione di “The Naples Rock & Roll Revue” organizzate da Gino Giglio e Carmine Gottardo al Teatro Posillipo di Napoli. In ogni serata tre Tribute Band con altrettanti omaggi a grandissimi Artisti della musica italiana ed internazionale: Sex Magik (Red Hot Chili Peppers) Runaway (Bon Jovi), The E-ssential (Bruce Springsteen), Simplified (Simply Red), Cherry Winehouse (Amy Winehouse), Wallside (Pink Floyd), The Jack (AC DC), Fulvio Feliciano (Jim Hendrix), The Kingstones (The Rolling Stones), Happy One Hour (Ligabue), Vascover Band (Vasco Rossi), PDEX (Pino Daniele)

Prima dell’ultimo concerto abbiamo avuto il piacere di intervistare l’organizzatore Gino Giglio.

  • La rassegna “The Naples Rock & Roll Revue” è arrivata ormai all’ultima serata e devo dire che sono state serate con un successo sempre più in crescendo fino allo straordinario sold out di stasera. Da dove nasce l’idea di una rassegna di musica delle Tribute Band.

Il mio primo, forte desiderio era quello di realizzare delle serata che avessero un carattere un po’ diverso rispetto alle serate che si realizzano qui a Napoli e racchiudere in una sola serata il meglio delle tribute band che abbiamo in Campania, ma facendole esibire in un contesto diverso, senza distrazioni, senza quell’ambiente rumoroso che purtroppo tali band ritrovano in vari locali napoletani e non solo, dando a questi ragazzi la possibilità di suonare su un palco prestigioso, con una strumentazione adeguata facendoli sentire come dei veri Artisti quali essi sono e quali essi rappresentano. Desiderando quindi dare loro questa possibilità e dare anche a chi ascolta un ambiente e una serata diversa , dove al centro dell’attenzione di tutti, musicisti e pubblico, ci fosse solo esclusivamente la Musica.

  •  Durante queste quattro serate il Teatro si è prestato ampiamente al tuo desiderio, mettendo l’ascolto in primissimo piano.

Infatti siamo in una location particolare. Il Teatro Posillipo è un Teatro come vedi, ma non sei costretto a stare seduto come in un Teatro convenzionale. Qui ci sono diversi spazi anche lateralmente predisposti per potersi alzare e ballare, o sedersi su comodi divanetti e stare in gruppo con un’ampia zona bar. Quindi Teatro si, ma anche molto spazio per godersi la musica e perchè no, anche alzarsi e ballare o partecipare alle emozioni che solo la musica rock sa dare al suo pubblico

  • Parliamo dei musicisti. Credo che di tribute band ce ne siano tantissime, come hai scelto le band che hai presentato in questa prima Edizione ?

Infatti ce ne sono tantissime e la scelta, come ben puoi immaginare, non è stata facile. In realtà ho scelto tra le migliori tribute band non in termini di seguito ma in termini proprio di preparazione e di amore verso l’Artista che interpretano. E poi ho cercato di invitare anche band che venissero da fuori Regione: infatti ci sono quelle dei Rolling Stones che vengono da Macerata, Feliciano da Roma ed è difficilissimo sentirli suonare qui da noi. E poi stasera i PDEX che pur provenendo da Verona e dintorni fanno un omaggio alla musica di Pino Daniele e sono molto apprezzati. Ho fatto quindi questo sacrificio enorme per farli partecipare a questa rassegna perchè , e ti faccio una confidenza, il tutto è partito proprio dal fatto che volevo fare un omaggio a colui che è stato il mio amico da sempre (Pino Daniele ndr) perchè da quando lui ci ha lasciato io non ho mai voluto organizzare nulla, volutamente, perchè ho sempre pensato che se avessi organizzato qualcosa sarebbe dovuta essere una cosa speciale, affinchè lui stesso, qualora potesse ascoltare e vedere, ne sarebbe stato fiero. Per questo ho scelto questa band (PDEX ndr) perché non scimmiottano Pino, non lo imitano, perché chi canta è cosi, parla così , e hanno una particolarità: quella di eseguire le canzoni di Pino Daniele con un “colore” particolare, un arrangiamento originale, un po’ come faceva lo stesso Pino il quale per ogni spettacolo dal vivo, riarrangiava le sue canzoni in modo diverso così da cambiarle ad ogni tour, ed infatti ogni suo spettacolo aveva un qualcosa di diverso rispetto allo spettacolo precedente. Ed è questo che fanno anche i PDEX.

  •  Ritorniamo a stasera. Ci sarà una sorpresa , una guest star di tutta eccezione.

In verità le sorprese sono due: stasera mi cimento anch’io alla batteria, nell’ultimo brano, omaggio alla musica e al talento di Edoardo Bennato (Vendo Bagnoli) e sarà per me un’emozione straordinaria condividere il palco con un Musicista strepitoso: Gennaro Porcelli. Per me lui è come un figlio, un fratello, tutto. L’ho visto crescere musicalmente, l’ho quasi “adottato”, l’ho portato in America dove adesso Gennaro è un’Artista conosciuto e apprezzatissimo. Pino Daniele l’ha conosciuto, a casa sua, perché gliene avevo parlato io, e stasera abbiamo scelto di fargli un omaggio reinterpretando una bellissima canzone “Napul’e’ ” nella versione che lui fece con Eric Clapton nel concerto ormai famosissimo di Cava dei Tirreni.

  • Ultima domanda: visto il successo di questa prima Edizione, non puoi certamente mollare, e devi iniziare a pensare di organizzare la seconda edizione. Sei pronto?

Si sono già pronto!!! Anzi è già pronto sia il calendario che gli Artisti che mi piacerebbe portare sul palco di “The Naples Rock ….. ” Però come puoi capire, per ogni evento del genere, devono essere esaminati e valutati vari fattori, per capire come poter ottenere il successo che tali eventi meritano. Attrarre il pubblico e convincerlo a seguire questo tipo di concerto non è facile. Perché ormai il pubblico si è disabituato al fatto che un Musicista è come un qualsiasi altro Artista che crea le sue opere, come uno scultore, o un pittore, o un fotografo. E per tali opere è giusto che gli venga riconosciuto un giusto compenso. In più è necessario coinvolgere quanto più possibile la stampa, i media, per poter promuovere gli eventi il più possibile nei vari canali di comunicazione in tempo per permettere al pubblico di organizzarsi e partecipare. Io ho avuto un appoggio della stampa in Antonio Tricomi di La Repubblica, grande appassionato di musica come me, il quale ha scritto un bellissimo articolo ma c’è necessità di promozione e di comunicazione per far sì che ai concerti arrivi quanto più pubblico possibile.

Datemi quindi un aiuto in tal senso, e vedrete, se questa è stata un’edizione di successo, la prossima sarà ancora più particolare e speciale!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.