Maurizio Capone : la musica che arriva dalla fantasia

di Annamaria De Crescenzo
Foto: SpectraFoto

Maurizio Capone è il frontman dei Bungt Bangt, un gruppo nato nel 1999 e che ha come particolarità quella di creare musica con elementi e strumenti creati da materiali riciclati. Cinque gli album pubblicati sino ad oggi, dei quali l’ultimo “Mozzarella Nigga” il 4 novembre scorso. Sul palco del 1 Maggio si presenta con una decina di ragazzi provenienti dal suo ultimo laboratorio di musica per proporre una selezione di successi del suo gruppo, sempre reinterpretati con un’energia e una musicalità fuori dal comune.

  • Sei appena sceso dal palco del 1 Maggio a Napoli dopo una splendida esibizione, quali sono le tue emozioni in questo momento?

Sono emozionatissimo perché ho presentato un progetto nel quale credo molto al quale arriviamo molto ben preparati, perché per quanto mi riguarda sono una quarantina di anni che perseguo l’obiettivo di unire la città, unire il Meridione in nome di una esigenza precisa di ritornare ad essere faro per l’Italia e per il mondo in quanto ne abbiamo assolutamente le potenzialità e quindi sia giusto che lo gridiamo perché magari gli altri lo hanno dimenticato. Invece noi che viviamo a Napoli lo sappiamo da sempre le potenzialità di questa città.

  • Tu fai una musica particolare che fa della condivisione il fulcro della tua attività artistica

Si, giusto. La Musica che faccio io è una musica popolare ma da un punto di vista progettuale essendo una musica suonata con elementi tratti da oggetti di uso comune o anche dalla spazzatura è una musica alla portata di tutti, ha un concetto in sé molto egualitario e ha bisogno di una creatività speciale perché in altri posti strumenti come questi non sarebbero mai creati o suonati. Quindi mi sento un po’ portavoce, ma lo dico con tutta la gioia e l’umiltà di napoletano e di persona abitante della Terra che lavora sul sentimento e sulle emozioni e che crede che essi siano l’unica unità di misura, al di là delle differenze sociali, che hanno davvero valore e che chiunque potrebbe avere nel mondo se solo facesse parlare il proprio cuore.

  • La tua musica si basa su progetti molto particolari. Stasera infatti ti sei esibito con diversi ragazzi del tuo nuovo laboratorio. Ci parli di tale progetto?

Si infatti. Anziché venire con il gruppo dei Bungt Bangt sono venuto con dei ragazzi con i quali sto facendo un progetto per un concerto che faremo a giugno a Piazza del Gesù con Napoli Teatro Festival ed un progetto che include un laboratorio di 15 ragazzi e, pur avendo fatto una sola prova l’altro ieri, essendo stato invitato sul palco oggi, ho esteso l’invito anche a loro. E così abbiamo messo su questa sorta di “pazzia” che comunque fa parte di me perché io non sono uno schematico.

Vi aspetto tutti il 30 giugno per questo nuovo spettacolo, una sorta di musical ritornando un po’ alle origini di Bungt Bangt e sarà anche lì una festa straordinaria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.