Al TRIANON VIVIANI, il FESTIVAL PER UN TEATRO DI PROSSIMITÀ – da domenica 12 a martedì 21 giugno



Al Trianon Viviani, il Festival per un teatro di prossimità

La manifestazione, inserita nel progetto di arte e inclusione sociale il Teatro delle Persone,
ideato e diretto da Davide Iodice, conclude la stagione del teatro della Canzone napoletana

Da domenica 12 a martedì 21 giugno

Il Festival per un Teatro di prossimità, la manifestazione inserita nel progetto di arte e inclusione sociale il Teatro delle Persone, ideato e diretto dal regista e pedagogo Davide Iodice, concluderà, dal 12 al 21 giugno, la programmazione della stagione del Trianon Viviani.

Il Festival proporrà al pubblico, con ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti, gli esiti di un articolato e intenso processo di pedagogia, relazione, condivisione, scambio culturale. Quest’anno Il teatro delle persone ha accolto nei varî percorsi, tutti gratuiti, circa trecento partecipanti, tra adolescenti, ragazzi di nazionalità e cultura diverse, persone con disabilità fisica e intellettiva, allievi attori, attori professionisti, gruppi in formazione e operatori sociali.

A partire dal territorio si è intessuta una rete di relazioni su scala nazionale e internazionale per creare quella “comunità di destino” per una relazione d’aiuto attraverso l’arte, così importante per le fasce più svantaggiate e fragili del nostro tessuto sociale. Sono state così coinvolte istituzioni culturali quali il teatro Nazionale di Napoli, l’Accademia di Belle arti, il progetto the Walk, associazioni del terzo settore (come Dedalusla Casa di VetroMade in Earth e Piccoli maestri di Roma), diversi distretti sanitari e comunità religiose.

Domenica 12 giugno – Alle 18:30, l’apertura del Festival, a cura della Scuola elementare del Teatro – Conservatorio popolare per le Arti della scena, con la consegna delle borse di studio donate dalle associazioni Made in Earth e Piccoli maestri di Roma. Seguirà, alle 19, lo spettacolo Uno, dieci, cento, mille Pasolini, a chiusura del ciclo Vocazione. Parteciperanno Giorgio AlberoChiara AlborinoFederico CacceseAnna CiccarelliAntonio CilvelliLuigi De CiccoGennaro De FabbioDiana De StefanoGianluca De StefanoChiara Di SarnoAliu FofanaViviana GallifuocoFrancesca Maria GiuntaVincenzo IaquinangeloEmma La MarcaLana LembergMara MerulloAriele PoneAnnamaria PriscoTommaso Renzuto IodiceFrancesca SarnataroAntonio SeneseGiovanna SilvestriJurij TognacciniClaudia Trinchillo e Cesare Venosti.

Questo spettacolo, diretto da Antonio Grimaldi, ri/considera l’attualità di Pasolini, in occasione del centenario della nascita, raccontando e vivendo l’intellettuale attraverso le sue parole, tra poesia, prosa e romanzo, in un canto corale di corpi ora fragili, tra poco violenti, e poi sordi e ciechi, e infine gioiosi; passando dal paradiso all’inferno: un mondo antico, presente e futuro nel quale ha spazio anche un mondo onirico e magico.

Martedì 14 giugno – Due gli appuntamenti nella seconda giornata della manifestazione, a cura della Scuola elementare del Teatro e di Putéca Celidònia.

Alle 14, Essere speciale. Interpretazione e mediazione espressiva nell’approccio alla disabilità, un incontro con Roberto Marcone, docente del dipartimento di Psicologia dell’università della Campania Luigi Vanvitelli, a chiusura degli approfondimenti del ciclo Pedagogie, curato da Davide Iodice con la Scuola Elementare del teatro, dedicati al teatro di prossimità, rivolto in special modo a operatori e operatrici del terzo settore e a specialisti della relazione d’aiuto. A conclusione verranno consegnati gli attestati di partecipazione.

Alle 16:30, l’ultima giornata del laboratorio permanente Alla ricerca del teatro perduto. Primi minuti di identità collettiva, al quale hanno partecipato ragazzi di provenienza, esperienza e vissuti – tanto diversi quanto unici –, che si sono dedicati, in particolare, a indagare il tema dell’identità. Per l’occasione saranno presentate piccole coreografie e partiture fisiche, con frammenti audio a partire dai testi scritti durante l’anno. Con la collaborazione del nucleo operativo di Neuropsichiatria infantile dell’Asl Napoli 1 e Gesco, nonché il sostegno di don Angelo Berselli, parroco della chiesa di san Giorgio ai Mannesi, Roberto Velardi, presidente della Casa di Vetro, e di Antonio Roberto Lucidi, vicepresidente dell’Altra Napoli, partecipano Antonio BuonadosaAlessandro BuonomoFrancesco Pio De MartinoRaffaele De MartinoSarah Beatrice Di FrancoFederica Di LilloAnna EspositoPablo Peppino EspositoRoberto FestosiGaja ImparatoLuca LubranoGiovanni NavarraDaniele NoceraAlessandra Persico e Brunella Karol Toscano.

Venerdì 17 giugno – Alle 19, Dedalus / Officina GomitoliManovalanza e la Scuola elementare del Teatro presentano l’esito del laboratorio multiculturale Tutto il mondo è paese, che ha offerto strumenti ai partecipanti per raccontarsi, facendone emergere la sensibilità e il talento. Curato da Adriana Follieri, che ne è stata docente con Davide Iodice, con gli operatori Corrado de LucaFederica Di GianniFrancesco FestaMara Merullo e Ruwani Perera, vede la partecipazione di Dachi AtskarunashviliSasho BoyanovRohit ChowdhuryAnastasiia DmyterchukSofiia DmyterchukAndrea Nicole Hernandez MedranoRahib IslamAlbina LukianchukIsrat MiaAxel Mathias Nunez MontoyaValeria NazinaAleksandra RudKevin Mattiu Nana SanchoYelyzaveta Shariy e Tasi Tasev.

Lunedì 20 giugno – Due appuntamenti presenteranno gli esiti del ciclo Officina, a cura della Scuola elementare del Teatro.

Alle 18:30, il gruppo di ricerca Nigredo in Ossa, di e con Caterina ArdizzonPaola Maria Cacace e Veronica D’Elia, con le musiche di Paolo Montella: ispirato alla fiaba inuit La donna scheletro, il testo racconta il viaggio di Arianna che, venendo meno alla promessa di soddisfare le aspettative della famiglia, riesce a liberarsi dall’idea che si sono fatti di lei, esce dalla sua tana e oltrepassa la zona di confine che c’è tra l’oppressione e la libertà. Sostenuto da Ex asilo FilangieriSchifa_labteatro Serra, Manovalanza, MacadamDomus ars e Casa Guarattelle, lo spettacolo è particolarmente consigliato per l’infanzia e la gioventù.

Alle 20:30, il collettivo Scrittura mista presenterà Mi sono sentito Amleto, di e con Antonio BasileAntonella de FalcoMattia LauroClaudia Nicolazzo e Giuseppe Tufano, con i costumi di Francesca Puglia e la collaborazione alla regia di Gianluca Di Meo. In questo spettacolo un gruppo di giovani attori e attrici si ritrova a una non ben specificata festa: tra il fantasma della loro inadeguatezza e quello ben più presente dell’Amleto di William Shakespeare, i ragazzi cercano di ritrarre una generazione alla deriva e inascoltata, finendo poi per ballarci sopra.

Martedì 21 giugno – Gli ultimi due appuntamenti del Festival presentano gli esiti del ciclo Officina dedicato a gruppi, a cura della Scuola elementare del Teatro.

Alle 18:30, Cinque storie per la buonanotte, scritto e diretto da Livia Berté con i costumi e gli elementi scenici di Chiara Tortora. Interpretato da Germana Di Marino con la stessa Berté, questo spettacolo è particolarmente consigliato per l’infanzia e la gioventù. È la storia di una giovane ragazza ferma a fissare una porta. Vorrebbe entrare, ma non riesce: la chiave è lì, davanti a lei, la chiama, l’assilla, ma per quanti sforzi provi a fare non riesce a prenderla. Se non riuscirà a entrare nella stanza non potrà uscire dalla casa che la tiene prigioniera e vivere nel mondo reale. Inizia così un duro viaggio all’interno del suo inconscio. Ma, a tenerla ferma per diciassette anni davanti alla porta chiusa, non c’era stato nessun altro che se stessa e il ricordo dei demoni di sua madre.

Chiude il Festival, alle 20:30, Il bambino invisibile di Bruno Barone e Daniele Vicorito, con le musiche di Tommaso Maione, per la regia dello stesso Barone. Lo spettacolo parla di come nascere a Forcella possa essere difficile, come in alcuni casi, ci si possa ritrovare in una strada avviata verso un tipo di vita che può condurre solo al dolore. Lungo questa strada ci sono però tante persone, tanti eventi, tanta vita, che possono dare la forza per cambiare direzione e salvarsi da un destino già segnato. Così, attraverso storie di quartiere ed esperienze realmente vissute, si rivive la vita di Carmine, rievocandone tutti i dolori, le difficoltà e gli errori commessi, mostrando anche tutto ciò che ha contribuito a un profondo cambiamento: un racconto che vuole essere testimonianza della possibilità di un riscatto sociale e dell’opportunità di cambiamento.

Per accedere in teatro è obbligatorio l’uso della mascherina ffp2. Informazioni: sito istituzionale teatrotrianon.org, tel. 081 0128663.

Il Trianon Viviani si avvale del sostegno del Programma operativo complementare della Regione Campania (Poc 2014-2020), della sponsorship tecnica di Enel e il patrocinio di Rai Campania.


Stanza delle Meraviglie

Nel mese di giugno è possibile visitare la Stanza delle Meraviglie, lo speciale spazio immersivo dedicato alla canzone napoletana, con visite effettuabili tutti i giorni per un massimo di quindici persone: dal lunedì al sabato, di mattina alle 10:30, 11:30 e 12:30, e nel pomeriggio alle 16, 17 e 18; la domenica e i festivi solo negli orarî mattutini.

La visita dura trenta minuti e prevede un biglietto di ingresso di 6 euro, acquistabile al botteghino oppure online sul circuito AzzurroService.net.

Per prenotazioni: telefono 081 0128663, email boxoffice@teatrotrianon.org.

Disegnata dal regista Bruno Garofalo da un’idea di Marisa Laurito, la Stanza è stata realizzata nell’àmbito dell’Ecosistema digitale Cultura Campania, Progetto ArCCa, Architettura della Conoscenza Campana – Contesto Musica (Por Campania Fesr 2014-2020 – assi 1 e 2), il progetto di digitalizzazione del patrimonio culturale campano, materiale e immateriale, promosso dalla Regione Campania e attuato da Scabec, la società in house della Regione per i beni culturali.

   

ufficio stampafondazione Trianon Viviani·       Paolo Animato, responsabiletel. 081 2258285 / email comunicazione@teatrotrianon.org·       Gabriella Galbiati email galbiati@teatrotrianon.org
PAOLO ANIMATOufficio stampa e comunicazionecomunicazione@teatrotrianon.orgfondazione Trianon Vivianipiazza Vincenzo Calenda, 9 – 80139 Napolitel. +39 081 2258285 / fax +39 081 0124472teatrotrianon.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.