I colori di settembre – primo concerto 7 settembre con Guillermo Pastrana e Stefano Musso IVREA Salone dei 2000

I colori di settembre – primo concerto
Guillermo Pastrana (violoncello)
e Stefano Musso (pianoforte)
a Ivrea, nel Salone dei 2000

 

L’apertura della terza stagione I colori di settembre è in programma sabato 7 settembre
(alle 20.30) nel Salone dei 2000 Officine ICO, via Jervis – Ivrea.
Sul palcoscenico Guillermo Pastrana (violoncello) e Stefano Musso (pianoforte), che si
cimenteranno con i repertori di Ludwig van Beethoven e Sergej Prokofiev.

GLI ARTISTI
Uniti da un’amicizia di lunga data, Patrana e Musso si esibiranno per la prima volta insieme
in occasione del concerto eporediese, sfruttando un’armonia maturata nei lunghi anni di
frequentazione e confronto.
Nato a Torino nel 1990, ma Eporediese a tutti gli effetti,
Stefano Musso, si è avvicinato giovanissimo al pianoforte,
proseguendo poi lo studio con Claudio Voghera al Conservatorio
“G. Verdi” di Torino dove si è diplomato con il massimo dei voti
e la lode.
Il suo debutto con l’orchestra risale al 2004 e da qual momento
la sua carriera è stata una vorticosa ascesa: nel suo curriculum
spiccano molte partecipazioni a concorsi, nazionali e
internazionali, con numerosi premi conseguiti.
Nel corso degli anni è venuto a contatto con i maggiori pianisti italiani ed europei: fra i molti
si possono citare Fabio Bidini, Dmitri Alexejeev, Dmitri Bashkirov e Alexandr Mazdar. Oltre a
perfezionarsi con Enrico Stellini e Pietro De Maria presso l’Accademia di Pinerolo, grazie al
sostegno della De Sono, ha terminato il Master in Music Performance presso l’Hochschule für
Musik di Basilea, e sotto la guida di Filippo Gamba continua ora il percorso per il
conseguimento del Soloist Diplom. Ha seguito masterclasses fra gli altri con Aldo Ciccolini,
Andràs Schiff, Lylia Zilberstein e Benedetto Lupo.
Molte le esibizioni in importanti festival e rassegne, sia come solista sia come camerista, tra
le quali MiTo e Musica ai Musei Vaticani e per varie istituzioni tra cui l’Unione Musicale.
A Ivrea ha fondato l’Associazione culturale “Il Timbro”, con la quale organizza da anni le
rassegne “I Colori di settembre” e “Gli accordi rivelati”.

Guillermo Pastrana è nato nel 1983 a Granada, in Spagna, in una famiglia che ama l’arte.
Fin da giovanissimo ha mostrato un profondo amore per la musica e soprattutto per il
violoncello.

Fin da giovane ha sviluppato un’intensa attività artistica
esibendosi come solista in auditorium e festival in tutto il
mondo: spiccano i concerti di Vienna e Bratislava nel 2010
per celebrare la presidenza spagnola del Unione europea .
Guillermo Pastrana ha ottenuto grandi successi sia come
solista che in orchestra (meritano di essere citate World
Orchestra, la RTVE Orchestra, la Medellín Philharmonic, la
Chilean Symphony, la Sanremo Orchestra, la Cordoba
Orchestra, la Castilla y León Symphony, l’Orchestra Sinfonia
del Conservatorio Ciajkovskij di Mosca, Sinfonia di Galizia,

Filarmonica di Malaga, Orchestra Città di Granada e Sinfonia di Navarra) .
Consapevole della grande importanza che hanno per le nuove generazioni la formazione e la
comunicazione della conoscenza, unisce alla sua identità artistica, quelle di pedagogo e
ricercatore di musica, collaborando come professore ospite all’Università di Musica di
Medellín, come professore di l’Accademia Orchestrale di quella città e dal 2013 professore
ospite della Giovane Orchestra dell’Andalusia , un progetto pedagogico e professionale
rivolto a giovani talenti musicali andalusi, a cui Guillermo Pastrana ha sempre fornito il
massimo sostegno.

IL CONCERTO
Grazie alla collaborazione con ICONA, l’Associazione Il Timbro è orgogliosa di organizzare il
primo evento musicale nel Salone dei 2000 – Officine ICO, spazio simbolico del patrimonio

UNESCO “Ivrea, città industriale del XX secolo”. Il programma scelto dal duo Pastrana-
Musso include l’esecuzione della Sonata in DO Maggiore di Sergej Prokofiev, ideata, scritta e

pubblicata dal compositore russo proprio negli anni in cui gli architetti Pollini e Figini
progettavano la geniale soluzione architettonica che oggi conosciamo come il terzo
ampliamento del complesso olivettiano.
Programma completo:
L.V. Beethoven (1770–1827)
Sette Variazioni per violoncello e pianoforte Wo0 46
Tema dal Flauto Magico di Mozart, “Bei Männern, welche Liebe fühlen”
Sonata per pianoforte e violoncello op.102 n.1
1. Andante
2. Allegro vivace
3. Adagio
4. Allegro vivace

S. Prokofiev (1891 – 1953)
Sonata per violoncello e pianoforte op.119
1. Andante grave
2. Moderato
3. Allegro, ma non troppo
LA LOCATION
Il ”Salone dei 2000” è molto più di un luogo. E’ un’idea, uno spazio-simbolo, un monumento
e un trait d’union capace di unire sia due edifici, ma soprattutto due momenti della gloriosa
storia della Olivetti di Ivrea.
Il salone venne creato per mettere in collegamento il primo e il secondo ampliamento della
Nuova ICO, portato a termine nel 1942.
Per risolvere la differenza di quota tra i livelli dei due edifici, venne realizzato un ambiente,
detto “Salone dei 2000” (progettato nel 1939), che deve il suo nome al fatto che Adriano
volle creare uno spazio capace di contenere tutte le maestranze dell’Olivetti, che allora
assommavano, appunto, a duemila unità. Il salone è coperto da shed e circondato da rampe
colleganti i vari livelli.
In questo salone Adriano Olivetti pronunciò il famoso “Discorso di Natale” del 1955,
considerato uno dei manifesti dell’utopia adrianea, recentemente pubblicato dalle “Edizioni di
Comunità”.
A dominarlo c’è la statua di Camillo Olivetti, padre di Adriano e fondatore dell’azienda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.