venerdì 8 dicembre esce in Italia e all’estero, distribuito da Ird e nei migliori store digitali, “Lunar”

Cino Magnaghi - Lunar.jpg
Prodotto dall’etichetta Dodicilunevenerdì 8 dicembre esce in Italia e all’estero, distribuito da Ird e nei migliori store digitali, “Lunar” il nuovo lavoro discografico del pianista e compositore Cino Magnaghi, affiancato al contrabbasso da Ron McClure (in due brani da Edward Perez) e alla batteria Jay Sawyer. Il disco propone < strong>sette composizioni originali di Magnaghi (Lunar, Mucca, Reset, Orbited, Camper, Infinity e Song For) registrate a New York nel febbraio 2017 all’Acoustic Recording di Brooklyn con il sound engineer Michael Brorby.
 
«L’album nasce da un desiderio profondo di tornare alla musica che ho coltivato fin dalla tenera età e che, da subito, ho pensato fosse il posto musicale dove stare: il Jazz», sottolinea il musicista nelle note di copertina. «Per realizzare questo desiderio, dopo un lungo tempo di preparazione, ho vissuto a New York un intensissimo anno dove ho condiviso il palco con molti musicisti e raccolto le ispirazioni necessarie. La mia musica cerca di non contraddire nessuno dei background della mia esperienza musicale dando accoglienza a tutte le sfaccettature, dalla musi ca classica al pop e al jazz che inevitabilmente fanno parte di me e del mio percorso culturale», prosegue. «Suonare e incidere questo disco con affermati musicisti della scena jazz newyorkese è stata un’esperienza che credo abbia donato alla mia musica un arricchimento di forme e contenuti musicali che io particolarmente ricercavo nel perfezionamento del mio stile».

Cino Magnaghi a dieci anni inizia gli studi al Conservatorio di Milano. Scopre il Jazz, diplomandosi presso i corsi civici di Enrico Intra e frequentando molti seminari (Siena jazz e Berklee School di Boston). Dopo aver ripreso gli studi classici, specializzandosi in composizione al Conservatorio di Milano, di recente approfondisce per due anni il piano jazz con Theo Hill a New York. Ha collaborato come compositore con Fabio o (arrangiando l’a lbum “Oltre il giardino”), Malika Ayane, Flavio Premoli (PFM), Claudio Dentes (Elio e le storie tese), Tullio De Piscopo, Michele Zarrillo, Livio Gianola, La Banda Osiris. Ha partecipato come direttore d’orchestra al 57° festival di Sanremo. Dirige e compone per il “Complaints choir of Milan”. Già autore in esclusiva per Sony Music, realizza musiche per molte istallazioni artistiche fra cui Maggie Cardelus. Collabora con Rai, Mediaset, Warner, Sony, Emi, Sugar, oltre a produrre molti spot tv e colonne sonore per film e documentari.
 
Ron McClure ha lasciato il segno nella scena jazz a metà degli anni ’60 con le Big band di Maynard Ferguson e Buddy Rich ma è conosciuto soprattutto per aver fatto parte alla fine degli anni 60 del quartetto di Charles Lloyd con Keith Jarrett e Jack Dejohnette. In seguito, Ron ha registrato con il Wynton Kelly Trio e con George Coleman. Nel 1970, con Mike Nock, Eddie Marshall e Michael White, ha co-fondato la band jazz fusion The 4th Way. Ha collaborato con Miles Davis Quintet (Herbie Hancock, Tony Williams, Wayne Shorter), Michel Petrucciani, John Scofield, John Abercrombie, Paul Bley e Randy Brecker, Lee Konitz, Dave Liebman e molti altri. 
 
Jay Sawyer, originario del Michigan, è uno dei batteristi emergenti più in voga a New York. Ha condiviso il palco con artisti affermati come Dee Dee Bridgewater, Stefon Harris, Donny McCaslin, Benito Gonzalez e Shai Maestro e con emergenti come Itamar Borochov, Caroline Davis, Tomoko Omura, John Raymond e molti altri. Si è esibito in molti festival in giro per gli Stati Uniti e in Europa. Mentre frequentava le Università del Western Michi gan e dell’Illinois, Jay ha studiato con alcuni dei più stimati batteristi del jazz tra cui Billy Hart, Tim Froncek, Keith Hall e Dana Hall. 
 
L’etichetta salentina Dodicilune è attiva dal 1996. Dispone di un catalogo di oltre 220 produzioni di artisti italiani e stranieri ed è distribuita in Itali a e all’estero da IRD in circa 400 punti vendita tra negozi di dischi e store. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online, ascoltati e scaricati su una cinquantina tra le maggiori piattaforme del mondo.
 
Info e catalogo su www.dodicilunes hop.it
Cartella stampa disco e ascolto brani in anteprima su Ijm.it
 
Dodicilune – Edizioni Discografiche & Musicali
Tel: 0832.091231

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...